Home Territorio Estero Giani e Saccardi: Importante che aziende toscane siano a Seafood 2024

Giani e Saccardi: Importante che aziende toscane siano a Seafood 2024

229
Seafood


Download PDF

Parte la manifestazione d’interesse rivolta alle imprese ittico-alimentari che intendono partecipare al Seafood Expo Global, che si svolgerà alla fiera di Barcellona dal 23 al 25 aprile

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Al via la manifestazione d’interesse rivolta alle imprese che intendono partecipare al Seafood 2024 che si svolgerà a Barcellona, Spagna, dal 23 al 25 aprile prossimi.

Afferma il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani:

Si tratta di un grande evento a livello internazionale per quanto concerne i settori della pesca, dell’agricoltura e dei crostacei, delle bevande, dell’allevamento e in generale dell’industria dei processi alimentari.

La Toscana sarà presente con le sue migliori aziende che operano in questi settori. È importante che vi sia un’adesione qualificata.

Il Seafood Expo Global si svolgerà alla Fira, la fiera di Barcellona, a primavera ormai inoltrata.

Nel capoluogo della Catalogna saranno presenti le migliori aziende ittico – alimentari a livello europeo ed extraeuropeo.

La Vicepresidente ed Assessore regionale ad Agricoltura e pesca, Stefania Saccardi, precisa:

Nella manifestazione di interesse sono esplicitati i criteri di priorità indicati dallo stesso Ministero e le domande dovranno essere compilate dalle aziende tramite il modulo appositamente elaborato dal MASAF.

È importante che le imprese toscane diano, come negli anni scorsi, il loro contributo.

Il MASAF ossia il Ministero dell’Agricoltura, sovranità alimentare e foreste, ha chiesto alla Regione Toscana di raccogliere la manifestazioni d’interesse delle imprese ittiche che operano sul territorio toscano interessate a partecipare.

La Regione, con l’atto pubblicato sul Burt, sta adesso raccogliendo tali manifestazioni, che dovranno essere inviate al Ministero entro l’8 marzo.

Ai fini della predisposizione dell’elenco, si terrà conto dei criteri di priorità indicati dal Ministero. I criteri riguardano anche la tipologia di soggetto, OP, produzione, trasformazione, commercializzazione, il fatturato e l’export.

Print Friendly, PDF & Email