Home Territorio ‘Flavio Favelli. Interno con marmi’, presentazione catalogo mostra

‘Flavio Favelli. Interno con marmi’, presentazione catalogo mostra

452
'Flavio Favelli. Interno con marmi' - piatto


Download PDF

Appuntamento il 14 febbraio al Museo di Capodimonte a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Museo e Real Bosco di Capodimonte.

Martedì 14 febbraio, ore 12:00, sala Burri, secondo piano, Museo e Real Bosco di Capodimonte, Napoli, sarà presentato il catalogo, edito da Arte’m, della mostra ‘Interno con Marmi’ di Flavio Favelli nell’ultimo giorno di esposizione dell’opera che l’artista ha scelto per il nono appuntamento di ‘Incontri Sensibili’, le mostre focus del Museo e Real Bosco di Capodimonte che pongono in dialogo gli artisti contemporanei con le collezioni del Museo.
Saranno presenti l’artista e i curatori Angela Tecce e Sylvain Bellenger, moderati da Adriana Rispoli, critico e curatrice indipendente.

L’installazione è stata ideata in relazione al Ciborio, realizzato tra il 1619 e il 1623, su progetto di Cosimo Fanzago per contenere il Santissimo Sacramento nella chiesa di Santa Patrizia a Napoli.

Una vera e propria architettura in miniatura, impreziosita dalla tecnica del commesso marmoreo che imita tralci vegetali, vasi con fiori e uccellini, un monumentale tabernacolo del barocco napoletano in bronzo dorato, rame dorato, marmi policromi e pietre dure: diaspri, ametista, agata, lapislazzuli.

Un dialogo che non si limita al tabernacolo ma che si estende anche alle altre opere esposte nella mostra Oltre Caravaggio. Un nuovo racconto della pittura a Napoli, a cura di Stefano Causa e Patrizia Piscitello.

‘Interno con Marmi’ è composta da materiali di varia provenienza, marmo e legno, che evocano gli ambienti domestici delle case borghesi italiane.

L’opera produce uno spazio ambiguo e instabile, giocato su pochi colori omogenei, con punti ciechi e vani angusti, risultando in forte contrasto con la simmetria e la preziosità del Ciborio, espressione del Barocco napoletano. Come un monumento su un piedistallo, l’opera di Favelli riunisce in sé frammenti di memorie personali e collettive.

Allo stesso tempo, pone a confronto due modelli estetici e culturali, votati entrambi a custodire un mistero inconoscibile.

Scrive l’artista nel catalogo:

Da tempo creo opere con pezzi di vari passati, che sono considerati cose di antiquariato o vecchi oggetti oppure roba da mercatini, ma non hanno significato in quanto antiquariato o modernariato.

Sono dei soggetti essi stessi, hanno una psiche, dei significati multipli, sono oracoli per i poeti e incarnano gli ambienti e i ricordi dove ho vissuto; sono così una piccola guida, sono presenze totemiche che stabiliscono relazioni e narrano di momenti profondi.

Sono fiammelle che rigenerano immagini stinte o scomparse.

Afferma il Firettore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Sylvain Bellenger nel catalogo:

Scegliendo di esporre nella galleria al secondo piano della Reggia di Capodimonte, una sala che i curatori chiamano ‘la chiesa’, sia per lo spazio ampio, sia per i dipinti religiosi della controriforma che in essa sono esposti, Favelli si è mosso nella spiritualità.

Questi materiali poveri, questo marmo che non è marmo, queste tavole inchiodate hanno assunto una spiritualità più vicina al nostro tempo di quella degli angeli e dei martiri esaltati dal barocco?

Ma forse sono l’unico tra i visitatori a percepire questa dimensione dell’opera, Favelli non si riconoscerebbe certo in essa, segno che la sua opera, in parte, gli è già sfuggita e come tutti i grandi messaggi ha già preso il suo volo.

Scrive Angela Tecce, Presidente della Fondazione Donnaregina per le arti in Campania nel suo intervento in catalogo:

Mi sono sempre detta, davanti alle composizioni di Flavio Favelli, che esse somigliano a delle partiture, grazie alla procedura del recupero in forma stenografica di frammenti di un passato prossimo talmente vicino a noi – non solo temporalmente ma psicologicamente e, soprattutto, affettivamente – da renderlo presente e vivo come una melodia che ci torna alla memoria del tutto casualmente ma con insistenza.

Il catalogo contiene anche interventi di Lorenzo Benedetti, Luciana Berti e Patrizia Piscitello.

Tutte le mostre del ciclo ‘Incontri Sensibili’

La mostra di ‘Flavio Favelli. Interno con marmi’, 27 settembre – 29 novembre 2022, si inserisce nel ciclo di mostre focus ‘Incontri Sensibili’ che consente agli artisti contemporanei di far dialogare le proprie opere con quelle della collezione permanente del Museo e Real Bosco di Capodimonte.

Dal 2017 ad oggi si sono susseguite le seguenti esposizioni:
‘Louise Bougeois – Francesco Guarino’, 26 marzo – 17 giugno 2017;
‘Jan Fabre. Naturalia e Mirabilia’, 1° luglio 2017 – 7 gennaio 2018;
‘Paolo La Motta guarda Capodimonte’, 30 giugno – 30 ottobre 2018;
‘Jan Fabre. Oro Rosso’, 30 marzo – 15 settembre 2019;
‘Yeesookyung. WhisperOnly to You’, 12 ottobre 2019 – 13 gennaio 2020;
‘Christiane Löhr incontra Capodimonte’, 26 settembre 2020 – 11 aprile 2021;
‘Diego Cibelli. L’arte del Danzare assieme’, 13 maggio – 2 novembre 2021; ‘Andrea Bolognino. Cecità, accecamento, oltraggio’, 13 gennaio – 18 aprile 2022;
‘Salvatore Emblema’, 26 maggio – 30 ottobre 2022; nel quadro della mostra monografica dedicata all’artista, ancora in corso.

Biografia

Flavio Favelli (Firenze, 1967) vive e lavora a Savigno, Bologna, città dove si è laureato in Storia Orientale. Ha presentato progetti personali al Centro per l’Arte Pecci di Prato (2005), al Projectspace 176 (Londra, 2006), alla Fondation Antoine de Galbert (Parigi, 2007), alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino, 2008), al MACRO (Roma, 2011), al MAMbo (Bologna, 2011), alla Maison Particulière (Bruxelles, 2014), al MAXXI (Roma, 2015), a Ca’ Rezzonico (Venezia, 2019). Ha partecipato a collettive e alle Biennali di Venezia del 2003 e 2013.

Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private: Galleria d’Arte Moderna e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino, Teatro Comunale, Bologna Fiere e Fondazione Furla a Bologna, La Maison Rouge Fondation Antoine De Galbert a Parigi, MAXXI, MACRO, Nomas Foundation, Collezione Farnesina a Roma, Zabludowicz Collection a Londra, Collezione Elgiz e Yapi Kredi a Istanbul, al Magazzino Italian Art a Cold Spring di New York.

Informazioni catalogo

‘Flavio Favelli. Interno con marmi’
a cura di
Angela Tecce e Sylvain Bellenger
in libreria: dicembre 2022
formato: 15×24 cm
allestimento: brossura
pagine: 32
illustrazioni: 9 a colori
lingua: italiano
ISBN: 978-88-569-0900-5
prezzo: €7,00

Print Friendly, PDF & Email