Home Toscana Regione Toscana Coronavirus Toscana, vaccinazioni in RSA senza sosta

Coronavirus Toscana, vaccinazioni in RSA senza sosta

216
anziani


Download PDF

Dal 1° gennaio il personale dei reparti Covid

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Non si fermeranno neppure per le feste dell’ultimo e del primo dell’anno le vaccinazioni agli anziani ospiti delle RSA toscane.

Il 30 pomeriggio, oggi, è stata la volta delle prime dodici strutture; il 31 dicembre toccherà ad altre ventisei e quindi diciotto il 1° gennaio.
Il calendario si aggiorna ora dopo ora.

Così nella ASL Nord Ovest saranno undici le strutture, per 264 ospiti complessivi, sottoposte a vaccino il 31 dicembre, dopo le sette, per 138 ospiti, di oggi, sei, per 180, il primo dell’anno e tredici, per 372, il 2 gennaio.

Nell’ASL Sud Est domani, 31 dicembre, sarà la volta della RSA Pionta in provincia di Arezzo, 19 ospiti, della ‘Piccola Casa della provvidenza’, 17 ospiti, a Follonica nel grossetano e della RSA Gandini nel senese, 56 vaccini, quindi la RSA Vegni a Castel del Piano il 1° gennaio, 58 ospiti, la Rsa San Gimignano Santa Fina, 24 vaccini, lo stesso giorno e il 2 gennaio la Rsa Maestrini, 36 ospiti, in provincia di Arezzo e la ‘Casa Albergo per anziani’, 49 vaccini, di nuovo a Castel del Piano nel grossetano.

Nell’ASL Centro, partita nel pomeriggio del 30 con quattro RSA, e 112 persone coinvolte, saranno dodici le strutture interessate il 31 dicembre, 324 dosi, dieci il primo gennaio, per altri 333 ospiti, ed ancora dodici, 332 dosi, il 2 gennaio.

Dal 1° gennaio intanto il vaccino sarà somministrato anche al personale dei reparti Covid degli ospedali e quindi delle USCA, le unità speciali di continuità assistenziale che da primavera sono state chiamate a gestire a casa o negli alberghi sanitari i pazienti Covid-19.

In queste ore sono state aperte anche, tra coloro che avevano già espresso la propria pre-adesione, le prenotazioni online per l’appuntamento per la somministrazione del vaccino riservata agli operatori sanitari e socio-sanitari in prima linea e al personale dei presidi residenziali per anziani, come indicato nel piano strategico nazionale anti Covid. Per tutti loro le vaccinazioni partiranno dal 4 gennaio.

Commenta l’Assessore alla salute Simone Bezzini, che ringrazia tutti:

Oggi siamo oltre il valore simbolico del Vaccine Day di domenica. Siamo partiti con le prime vaccinazioni agli ospiti delle RSA, la parte più fragile e vulnerabile della nostra comunità davanti alla minaccia del Covid-19. E domani si va avanti.

Contiamo di chiudere il primo ciclo di somministrazioni nelle RSA entro i primi dieci giorni di gennaio per portare a termine la seconda vaccinazione entro fine gennaio.

In parallelo partiamo anche con il personale sanitario dei reparti Covid degli ospedali e il resto del personale del sistema sanitario.

Stiamo mettendo in campo un grande sforzo, sapendo di poter contare su una macchina di grande efficienza e su un sistema sanitario che in questi mesi abbiamo ulteriormente irrobustito, potenziando tutta la filiera di contrasto al virus, a partire dalla capacità di tracciamento, alberghi sanitari, cure intermedie e posti letto Covid.

Stiamo lavorando pure per aumentare la capacità di testing anche con programmi di screening. Se presto saranno disponibili altri vaccini, oltre a quello di Pfizer, saremo in grado di imprimere ancora più forza a questo percorso, senza mai abbassare la guardia.

Print Friendly, PDF & Email