Home Lazio Regione Lazio Coronavirus Lazio, no allarmismi ma seguire indicazioni nel decalogo

Coronavirus Lazio, no allarmismi ma seguire indicazioni nel decalogo

419
Decalogo SaluteLazio


Download PDF

D’Amato: ‘Grande successo per il decalogo consultabile sui canali social ‘Salute Lazio”

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

Nessun allarmismo ma bisogna seguire le indicazioni degli esperti contenute nel decalogo. Nel Lazio la situazione è costantemente monitorata e ad oggi non sono segnalate particolari criticità.

Sta lavorando una task force che si riunisce quotidianamente e da oggi parteciperà anche l’Ordine dei medici, per monitorare ogni eventuale segnalazione.

La rete del servizio di sorveglianza infettivologica è capillare e lavora a pieno regime e in stretto contatto con le autorità nazionali.

Lo dichiara l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato.

Sui social dell’Assessorato regionale ‘Salute Lazio’ è consultabile il decalogo con tutte le indicazioni sui comportamenti da seguire:
1) Lavati spesso le mani.
2) Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.
3) Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani.
4) Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci.
5) Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico. 6) Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.
7) Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate.
8) I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi.
9) Contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni.
10) Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo Coronavirus.

Conclude l’Assessore D’Amato:

Il decalogo sta avendo ampia diffusione e questo ci dimostra il grande bisogno di informazioni, ma soprattutto di una corretta informazione. Voglio ricordare che è assolutamente sconsigliato recarsi al pronto soccorso, se non per le urgenze, ma in caso di dubbi contattare il numero dedicato 1500 oppure il proprio medico di famiglia.

Print Friendly, PDF & Email