Home Lombardia Regione Lombardia Consiglio regionale Lombardia: gettone di presenza per Emilia-Romagna

Consiglio regionale Lombardia: gettone di presenza per Emilia-Romagna

981
Palazzo Pirelli


Download PDF

I provvedimenti affrontati e discussi nella seduta del 23 maggio

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Lombardia.

Una seduta con la mente e il pensiero all’Emilia-Romagna, quella che si è tenuta oggi nell’Aula del Consiglio regionale lombardo.
Al fine di portare sostegno e aiuto alla popolazione e ai territori dell’Emilia-Romagna colpiti dall’alluvione, in apertura dei lavori il Presidente del Consiglio Federico Romani ha infatti comunicato la possibilità devolvere il rimborso spese forfettario della seduta odierna, accogliendo così anche l’invito del capogruppo del Movimento 5 Stelle Nicola Di Marco.

I Consiglieri interessati ad aderire all’iniziativa sono stati invitati a darne comunicazione all’Ufficio di Presidenza.

Prima dell’inizio della seduta il Presidente Romani ha dato la parola a Vittorio Sgarbi che aveva chiesto di poter intervenire per portare un saluto al Consiglio regionale.

Sgarbi, in un breve discorso, che per regolamento non poteva superare i dieci minuti, ha confermato le dimissioni da Consigliere regionale, spiegando che il suo ritardo nella comunicazione della volontà di rimanere Sottosegretario è stato generato dalla difficoltà della scelta.

Ha detto:

La Lombardia è certamente la regione più importante d’Italia, una regione – nazione sul piano politico, culturale e per la sua immensa attività produttiva, una regione dalle moltissime opportunità.

Ma voglio lasciarvi in amicizia e senza nessuna iattanza, promettendo che da Sottosegretario continuerò a interessarmi della vostra regione e quindi ci rivedremo sicuramente in Commissione consiliare ad approfondire i progetti che già mi vedono collaborare con l’Assessore alla cultura.

Mi associo al Presidente Romani, che in apertura ha voluto ribadire vicinanza e sostegno alla Romagna, e concludo dichiarando totale solidarietà al Ministro Roccella.

Credo sia opportuno che il Consiglio regionale apra un dibattito anche sull’importanza dei diritti democratici, compreso il diritto, per chi ha una posizione, di poterla esprimere liberamente.

A Vittorio Sgarbi subentra in Consiglio Nicolas Gallizzi, medico di Basiano (MI), primo dei non eletti della lista ‘Noi Moderati – Rinascimento Sgarbi’ per la circoscrizione di Milano.

A seguito delle dimissioni rassegnate ieri dal Consigliere regionale Carmelo Salvatore Ferraro, eletto a Milano nella lista ‘Lombardia Ideale – Fontana Presidente’, è subentrato oggi in Consiglio regionale anche Luca Marrelli, 45 anni, nato a Tradate e residente a Venegono Superiore (VA), dal 2018 Sindaco di San Mango D’Aquino, piccolo Comune in provincia di Catanzaro, di cui è originario.

Una causa di incompatibilità è stata sollevata, infine, nei confronti della Consigliera regionale di Fratelli d’Italia Anna Dotti, che ricopre anche la carica di Sindaco di Argegno (CO): a seguito della contestazione formale del Consiglio regionale, la Dotti dovrà comunicare entro i dieci giorni successivi per quale delle due cariche intende optare.

Il Consiglio regionale ha quindi votato la relazione finale e la conseguente delibera di convalida dell’elezione di tutti gli altri Consiglieri regionali eletti nella nuova legislatura, illustrata in Aula dal Presidente della Giunta delle Elezioni Luca Ferrazzi.

Dopo l’elezione dei componenti del Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione delle leggi, a cui spettano i controlli e le verifiche sull’efficacia delle leggi regionali, la seduta si è conclusa con una serie di nomine.

Per il collegio sindacale della Milano-Cortina 2026 sono stati indicati Andrea Donnini, Lorenzo Meroni e Giuseppe Riccardo Zani, mentre per il Collegio sindacale di Finlombarda il Consiglio regionale ha votato Antonio Liberato Tuscano, Luca Belotti e Margherita Molinari.

Supplenti sono Stefano Chirico e Donata Colombo.

Sono stati nominati anche un revisore del comprensorio Alpino di Caccia 2 Edolo, Armando Biena, e un revisore del Comprensorio Alpino di Caccia 6 Valle Trompia, Mario Ventura.

Per il Collegio revisori dei conti dell’ARPA, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale, sono stati indicati Marco Meloro e come componente dell’organo di controllo e di revisione dei conti della Fondazione Civiltà Bresciana, Matteo Giacomo Abbadini.

Nominati infine i revisori dei Comprensori alpini di caccia Valle Borlezza, Valle di Scalve e Valle Seriana, rispettivamente: Gianluigi Mazzola, Cinzia Testa e Emiliano Fantoni.

I Consiglieri regionali Manfredi Palmeri, Lista Moratti, e Pietro Macconi, FdI, sono stati nominati membri dell’Osservatorio per la promozione del fattore famiglia, mentre la consigliera Maira Cacucci, FdI, è stata votata come componente della Commissione consultiva del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza.

Print Friendly, PDF & Email