Home Sardegna Cagliari Cantiere Aperto all’EXMA di Cagliari con l’opera di Tiziano Demuro

Cantiere Aperto all’EXMA di Cagliari con l’opera di Tiziano Demuro

451
EXMA - foto Consorzio Camù
EXMA - foto Consorzio Camù


Download PDF

Dal 18 giugno, per tutta l’estate, il centro dedicato alle arti contemporanee ospiterà ‘Baustelle’, opera site specific realizzata dall’artista Tiziano Demuro

Riceviamo e pubblichiamo.

Di necessità virtù. L’EXMA di via San Lucifero a Cagliari si prepara all’apertura di un cantiere comunale che per gran parte dell’estate non consentirà l’uso di tutto il tradizionale corpo espositivo centrale.

Un cantiere con il quale però il centro d’arte ha deciso di “giocare” ribaltando la prospettiva del disagio anche visivo e rendendo la corte interna all’aperto lo scenario ideale per ospitare iniziative artistiche “in dialogo” con le transenne dei lavori in corso.

È da queste necessità che si trasformano in opportunità che nasce la prima edizione di ‘Baustelle’, iniziativa dedicata al contemporaneo che, come scrive la curatrice Sonia Borsato,

non vuole essere solo un momentaneo cerotto ma un modus cogitandi, l’espressione della volontà di usare l’arte, anzi l’ibridazione tra le espressioni artistiche, come modo per riflettere sulle ferite del contemporaneo, sui cantieri, metaforici e non, che sono in corso nelle nostre vite e nel mondo.

Per questa edizione 2022 è stato scelto l’artista Tiziano Demuro che, a partire dal 14 giugno, lavorerà nel cortile dell’EXMA realizzando una finta impalcatura che occulterà solo parzialmente i lavori in corso. L’allestimento è a cura di Salvatore Campus.

L’opera, che sarà terminata il 18 giugno quando verrà presentata al pubblico, è pensata come un susseguirsi di alcuni maxi telai sui quali, alternate, verranno montate immagini prestampate in tela microforata.

Le foto rappresentano scorci rubati da non meglio identificati nuclei metropolitani: frasi, segni, versi prelevati da muri o facciate di palazzi.

Dice ancora Sonia Borsato:

Li vediamo tutti, spesso; ci stupiscono, ci fanno sorridere, riflettere, alleggeriscono il cuore. La loro doppiezza ci coglie impreparati: da un lato lo sfregio – sappiamo che si tratta di un abuso – dall’altro la poesia, il regalo quasi indirizzato a noi.

Su queste immagini l’artista interverrà ricamandone piccole porzioni, il ricamo scelto come gesto lento che si oppone alla frenesia della città, atto di cura e attenzione.

Il pubblico potrà accedere liberamente all’EXMA dal 14 giugno per assistere, dalle ore 17:00 alle 20:00, al lavoro di ricamo preparatorio all’opera finita, che sarà presentata sabato 18 giugno dalle ore 17:00. ‘Baustelle’ è realizzata con il contributo della Fondazione di Sardegna.

A partire dal 18 giugno sarà aperto al pubblico il nuovo bookshop allestito all’ingresso, nella ex biglietteria.

Cambia anche l’orario di accesso del pubblico che dal 18 giugno sarà: dal martedì alla domenica dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 17:00 alle 21.00.

Biografia

Nato nel 1992 in Sardegna, vive e lavora a Milano. Studia come grafico pubblicitario e si laurea in Nuove Tecnologie per l’arte all’Accademia di Belle Arti di Sassari. Dopo una parentesi lavorativa a Kaunas, in Lituania, presso il Kaunas Photo Festival, torna in Italia e frequenta un Biennio specialistico in Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera.

Nel 2018 è tra i partecipanti alla prima edizione di Photo Solstice, progetto dedicato alla fotografia di Fondazione di Sardegna nell’ambito di AR/S Arte Condivisa in Sardegna a cura di Marco Delogu.

Nel 2019 prende parte al Canon Student Program con una borsa di studio al VISA pour l’image di Perpignan.
Nel 2021 è tra i 12 fotografi per il calendario dedicato alla pasta prodotto da Casa Milo.
Nel 2022 è tra i selezionati per il Liquida Photo Festival – Paratissima di Torino.

Lavora come fotografo e grafico e segue un suo personale percorso tramite diverse modalità di lavoro e sperimentazioni, con una ricerca incentrata sull’anatomia fisica ed emotiva, spazi e superfici, dettagli ed elementi intimi, luoghi e oggetti che si stratificano nelle storie e sono chiavi di decodificazione e costruzione di un percorso in completa evoluzione.

Print Friendly, PDF & Email