Home Campania Città Metropolitana Napoli Alaia su approvazione manovra bilancio 2024 Consiglio Metropolitano

Alaia su approvazione manovra bilancio 2024 Consiglio Metropolitano

485
Domenico Esposito Alaia


Download PDF

Il Consigliere: ‘Nella Città Metropolitana di Napoli la politica torni a fare la politica’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Città Metropolitana di Napoli.

Quello cui abbiamo assistito oggi in Consiglio Metropolitano è stato sicuramente uno spettacolo poco edificante.

Abbiamo toccato con mano come, ormai, alla Città Metropolitana l’apparato burocratico sembra aver preso il sopravvento sulla politica.

Come, ormai, a decidere le sorti dell’Ente e, di conseguenza, del territorio e dei cittadini che lo abitano, sembra non siano più i Consiglieri che, anche se indirettamente, i cittadini hanno eletto, ma l’apparato, la macchina burocratica.

Così il Capogruppo della Lega al Consiglio Metropolitano di Napoli, Domenico Esposito Alaia, a margine della seduta tenutasi questo pomeriggio nell’aula consiliare del Complesso monumentale di Santa Maria la Nova che ha visto l’Assise adottare il Bilancio di previsione 2024 e i suoi allegati per una manovra da 678 milioni di euro.

Prosegue Aiala:

Abbiamo, infatti assistito a duri scontri, in aula, non solo con i Consiglieri di minoranza, ma anche tra autorevoli esponenti dei partiti che sostengono il Sindaco metropolitano, Gaetano Manfredi, e membri della macchina burocratica.

Nelle more dell’auspicata riforma del sistema delle autonomie locali, che restituisca ai cittadini il potere di scegliere direttamente i propri rappresentanti nelle Città metropolitane e nelle Province voglio rivolgere un fermo appello al Sindaco Manfredi e ai miei colleghi Consiglieri, in primis a quelli di maggioranza: nella Città Metropolitana di Napoli la politica torni a fare la politica, torni cioè a interpretare e a promuovere nelle sedi istituzionali le istanze dei territori, delle comunità, dei Sindaci e dei consiglieri che democraticamente, anche se attraverso un sistema elettorale di secondo livello, ci hanno eletti Consiglieri metropolitani.

Torni, cioè, alla sua funzione originaria: quella di compiere le scelte migliori per lo sviluppo del territorio, a guidare i processi di sviluppo, non a farsi guidare dall’apparato burocratico.

Print Friendly, PDF & Email