Home Territorio ‘Adolf prima di Hitler’ al Teatro Il Pozzo e il Pendolo

‘Adolf prima di Hitler’ al Teatro Il Pozzo e il Pendolo

246
'Adolf prima di Hitler'


Download PDF

In scena il 9 dicembre a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Giovedì 9 dicembre, ore 21:00, presso il Teatro Il Pozzo e il Pendolo in
Piazza San Domenico Maggiore n.3 a Napoli Gabbianella Club & Resistenza Teatro presentano ‘Adolf prima di Hitler’ di Antonio Mocciola, regia Diego Sommaripa, con Gabriella Cerino, Vincenzo Coppola e Francesco Barra.

Musiche Gianluigi Capasso
Costumi Dora Occupato
Trucco Forma e Colore – Agostino Amore

Due ragazzi di 20 anni in una Vienna di inizio ‘900, rintanati in un mesto monolocale invaso dal fumo tossico di una piccola stufa a cherosene, provano a capire la vita. Sono amici per la pelle. Uno è Gustav Kubizek, figlio di un tappezziere, diventerà un apprezzato direttore d’orchestra. L’altro è Adolf Hitler.

Tra di loro un rapporto morboso, viscerale, indicibile all’epoca. In quella stanza umida, tra parole non dette di due adolescenti in crisi prende vita la più grande tragedia del secolo.

Liberamente tratto dalla biografia ‘Il giovane Hitler che conobbi’ scritta da Kubizek ricordando i quattro intensissimi anni passati accanto al dittatore austriaco, ‘Adolf prima di Hitler’ di Antonio Mocciola è uno squarcio di vita intima, destinata a divenire pubblica, e letale.

Il corso della storia, forse, sarebbe cambiato radicalmente. E fa venire i brividi che a farlo sarebbe bastato uno sguardo ricambiato, una coraggiosa intesa. Sarebbe bastato un bacio.

Note di regia
Mettere in scena Hitler come se non conoscessi la storia, dimenticando il mondo che ha generato, è una sfida meravigliosa che con orgoglio accolgo.

Ho la fortuna d’avere una drammaturgia incandescente di Antonio Mocciola tra le mani, tratta da una clamorosa ed ormai introvabile autobiografia, una discesa agli inferi impetuosa, senza sosta, senza tempo, piena di ritmo e cambi di passo, ed è cosi che viviamo la durata della pièce, come un cerchio che piano piano si restringe, fino ad arrivare ad un bivio importantissimo, che avrebbe potuto cambiare la storia dell’intera umanità.

Pochi elementi di scena, lasciando spazio ai rapporti tra il futuro dittatore ed il suo coinquilino perdutamente innamorato di lui: rapporti intimi, nascosti, segreti, e la parola diventa strumento potente; è un gioco sottile tra Adolf, Vincenzo Coppola, e Gustav, Francesco Barra, ma pericoloso, che mi suggerisce di dare delle tinte di giallo alla messa in scena, grazie anche all’ambigua padrona di casa, la signora Zakreys, Gabriella Cerino. In quella stamberga si stava facendo la storia. A pensarci ancora rabbrividisco.
Diego Sommaripa

Print Friendly, PDF & Email