Home Campania Comune di Napoli A Napoli iniziativa ‘Riciclare i RAEE è una bella storia!’

A Napoli iniziativa ‘Riciclare i RAEE è una bella storia!’

520
Riciclare i RAEE è una bella storia!


Download PDF

Comune di Napoli, ASIA ed Erion WEEE insieme per sensibilizzare sul corretto conferimento dei rifiuti elettrici ed elettronici

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

Alla presenza del Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, dell’Assessore al verde, Vincenzo Santagada, e dell’Assessore all’Istruzione e alla Famiglia, Maura Striano, è stato firmato oggi, 28 febbraio, dall’Amministratore Unico di ASIA Napoli S.p.A., Domenico Ruggiero, e dal Direttore Generale di Erion WEEE, Giorgio Arienti, l’accordo per la collaborazione tra l’azienda integrata di servizi di igiene ambientale e il Consorzio del Sistema Erion dedicato alla gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, RAEE, che partirà nelle prossime settimane con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini del capoluogo campano sul tema dei RAEE e sulle buone pratiche per il loro corretto conferimento.

Con l’iniziativa ‘Riciclare i RAEE è una bella storia!’ parte un’azione combinata su tre fronti: campagna di affissioni, attività formative per gli studenti e momenti di raccolta straordinari dei piccoli RAEE presso le scuole coinvolte nel progetto.

A partire dal 13 marzo, le strade del capoluogo campano saranno interessate da un piano di affissioni stradali per far conoscere ai cittadini cosa sono i RAEE e come conferirli correttamente.

A seguire, 11 scuole aderenti all’iniziativa verranno coinvolte in lezioni formative tenute da esperti del settore sui temi della sostenibilità e del riciclo, partecipando, inoltre, a un concorso.

All’interno dei plessi scolastici saranno, infatti, posizionati appositi contenitori in cui i ragazzi potranno conferire i piccoli rifiuti elettrici ed elettronici che saranno successivamente ritirati da ASIA Napoli.

La scuola che avrà raccolto più RAEE verrà premiata con un buono per l’acquisto di materiale didattico, nell’ambito di una cerimonia ufficiale che si terrà nel mese di maggio.

Ha dichiarato il Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi:

Oggi firmiamo un accordo molto importante perché lo smaltimento dei rifiuti elettronici è una delle grandi emergenze della contemporaneità, è una grande risorsa ma è anche un grande problema ambientale.

Abbiamo deciso di partire dalle scuole perché chi maneggia di più i cellulari e le apparecchiature elettroniche in generale sono proprio i ragazzi e quindi questa è l’occasione per spiegare loro che questi strumenti ad un certo punto devono poi essere smaltiti in maniera corretta e regolare.

In generale noi stiamo spingendo molto sul recupero organizzato e industriale dei rifiuti allo scopo non solo di proteggere il nostro ambiente ma anche di considerarli come una grande risorsa economica.

Nei rifiuti elettronici ci sono metalli nobili, c’è la possibilità di ridurre fortemente l’impatto ambientale ma anche di trovare risorse economiche e noi stiamo andando fortemente in questa direzione.

Ha dichiarato Giorgio Arienti, Direttore Generale di Erion WEEE:

Ringrazio ASIA Napoli e il Comune per la pronta disponibilità a collaborare su questo importante progetto, che ha l’obiettivo non solo di sensibilizzare i giovani sul tema del corretto conferimento, ma anche quello di invitare i cittadini napoletani a sfruttare i servizi che hanno a disposizione per conferire in maniera corretta i RAEE.

Ancora troppo spesso, infatti, questi rifiuti vengono tenuti in casa anche se inutilizzati o gettati nell’indifferenziata.

L’iniziativa rientra nel più ampio programma di comunicazione e sensibilizzazione DireFareRAEE, avviato nel 2022 e che continuerà per tutto il 2023.

Ha dichiarato l’AU di ASIA, l’ingegner Domenico Ruggiero:

Nelle nostre case c’è una piccola miniera: sono tutti quei dispositivi elettronici che non usiamo più ma teniamo accantonati in cassetti ed armadi.

Cellulari, caricabatterie, radio, telecomandi ed ogni altro oggetto inutilizzato perché non funzionante o solo perché ‘superato’ può essere ancora utile se correttamente avviato al recupero.

Separare e correttamente conferire i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche ha un doppio valore di rispetto dell’ambiente: non lo si inquina con il vecchio e si riduce lo sfruttamento delle miniere per realizzare il nuovo.

L’iniziativa DireFareRAEE del consorzio Erion WEEE, che ASIA ha accolto ed inserito nel progetto Educambiente sotto il patrocinio del Comune, si propone proprio di veicolare questo messaggio e aumentare la sensibilità sul tema.

Ha dichiarato l’Assessore all’istruzione Maura Striano:

La mattinata di oggi è molto importante e rientra nella nostra programmazione dell’Agenda 20 – 30 quindi sul discorso più generale della sostenibilità ambientale e sul corretto smaltimento dei rifiuti.

Nelle scuole devono passare messaggi che siano veicolati in modo chiaro ed efficaci dal punto di vista scientifico: i ragazzi sono poi quelli che prenderanno in mano questi processi, li porteranno anche all’interno delle loro famiglie e faranno anche un lavoro educativo coi loro genitori ed i loro fratelli.

Ha dichiarato l’Assessore al Verde Vincenzo Santagada:

L’iniziativa di questa mattina sui RAEE è perfettamente in linea con l’altra che abbiamo annunciato e cioè ‘Quartiere pulito’ con l’obiettivo di stimolare la cittadinanza alla partecipazione attiva sul tema del corretto smaltimento dei rifiuti.

Il progetto ‘Quartiere pulito’ prevede proprio, tra le altre cose, la sistemazione di isole ecologiche mobili in ogni quartiere dove i cittadini potranno portare anche i RAEE.

La città la dobbiamo immaginare come il nostro condominio, i napoletani sono i condomini, ognuno di noi deve fare la propria parte e solo così possiamo tenere una città davvero pulita ed attivare il sistema dell’economia circolare.

I dati di gestione RAEE su Napoli

Sul territorio di Napoli nel 2022 Erion WEEE ha gestito oltre 1.o8o tonnellate di RAEE Domestici, dal cui corretto trattamento sono state ricavate: 514 tonnellate di ferro, equivalenti al peso di un Frecciarossa 1000, 174 tonnellate di plastica, equivalenti a circa 69.600 sedie da giardino, 27 tonnellate di alluminio, equivalenti a circa 31.500 moka da caffè, e 29 tonnellate di rame, equivalenti a 33 km di cavi.

Grazie a una gestione virtuosa di questi rifiuti nell’ambito del territorio comunale, Erion WEEE ha evitato l’emissione in atmosfera di quasi 13.400 tonnellate di CO2, come la quantità che verrebbe assorbita in un anno da un bosco grande 13 kmq, poco più dell’estensione di Pompei, e ha permesso il risparmio di oltre 2.000.000 kWh di energia elettrica, pari ai consumi domestici annui di una città di circa duemila abitanti.

Print Friendly, PDF & Email