Home Territorio A Carimate (CO) Agnese Moro incontra l’ergastolano Carmelo Musumeci

A Carimate (CO) Agnese Moro incontra l’ergastolano Carmelo Musumeci

573
Incontro-dibattito Carmelo Musumeci


Download PDF

Il 12 ottobre alla Parrocchia Beata Vergine Assunta di Montesolaro

Riceviamo e pubblichiamo.

Ergastolano per gli uomini ma non per Dio: venerdì 12 ottobre 2018 alle ore 21:00 presso la Parrocchia Beata Vergine Assunta di Montesolaro in Via Calvi, frazione del comune di Carimate (CO), si terrà l’incontro-dibattito con Agnese Moro, figlia di Aldo Moro; Carmelo Musumeci, ergastolano in libertà vigilata per 5 anni ed impegnato nelle campagne per il superamento dell’ergastolo ostativo; Sr. M. Grazia Colombo Op, monaca domenicana; Nadia Bizzotto, responsabile della casa di accoglienza per detenuti in pena ‘Il sogno di Maria’ della Comunità Papa Giovanni XXIII. Modererà la serata Fabio Arnaboldi.

Agnese Moro è figlia di Aldo Moro, più volte ha ripetuto:

L’ergastolo è come dire ad una persona ‘ti vogliamo buttare via’, ma io non voglio buttare via nessuno.
Io ho perdonato chi ha ucciso mio padre.

Nadia Bizzotto ospita Carmelo Musumeci nella sua casa che ricostruisce un clima familiare:

L’ergastolo è una pena disumana perché toglie tutto: è una morte sociale a tutti gli effetti.

Ma per quanto grandi possano essere gli sbagli che un uomo abbia commesso, non gli si può togliere anche la dignità.

Nessuno uomo può vivere senza speranza e noi non possiamo mettere la parola mai al recupero di una vita umana.

Ha organizzato la serata la Comunità Papa Giovanni XXIII, l’associazione fondata da Don Oreste Benzi nel 1968. Gestisce in Italia 6 Comunità Educanti con i Carcerati, CEC, strutture per l’accoglienza di detenuti che scontano la pena fuori dal carcere.

Spiega Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII:

La recidiva, tendenza a commettere di nuovo reati, si abbassa al 10% per le persone che scontano la pena in strutture alternative al carcere, contro il 75%-80% degli istituti penitenziari tradizionali.

Per informazioni:
349-7191476

Print Friendly, PDF & Email