Home Territorio Estero Yemen: mina Houthi uccide sminatore a Sada

Yemen: mina Houthi uccide sminatore a Sada

444
mine houthi


Download PDF

La vittima era in missione con le squadre del genio del Governo yemenita per bonificare un sito militare dalle mine nella direzione di Al-Baq’a

Un ingegnere che lavorava nello sminamento in Yemen è stato ucciso, sabato 28 agosto, dall’esplosione di una mina antiuomo piantata dagli Houthi nel Governatorato di Saada, principale roccaforte delle milizie golpiste, nell’estremo nord del Paese.

Lo “Yemeni Landmine Monitor” ha riferito che un lavoratore del progetto di sminamento è perito a causa di una mina Houthi nel Governatorato di Saada.

L’osservatorio, in un tweet sul proprio account, ha dichiarato che l’ingegnere, Muhammad Abd al-Wali al-Azazi, ha perso la vita durante una missione con le squadre del genio del Governo, per bonificare un sito militare nel distretto di al-Baq’a, a nord-est del Governatorato di Saada, senza fornire ulteriori dettagli.

L’Osservatorio, che si occupa di documentare le vittime delle mine e degli ordigni inesplosi lasciati dalla guerra, riferisce quasi quotidianamente di vittime civili a causa delle mine piantate dalla milizia filo iraniana in vaste aree dello Yemen.

È da notare che il “Progetto sminamento saudita in Yemen”, Masam, dall’inizio dei suoi lavori in Yemen, ha subito 24 morti, di cui 5 esperti stranieri, oltre a 29 feriti, mentre lavoravano per rimuovere le mine piantate dalla milizia Houthi, che ha trasformato lo Yemen nel più grande campo minato del mondo.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.