Home Toscana Regione Toscana Qualità aria, anche Monni alla presentazione delle misure per Firenze

Qualità aria, anche Monni alla presentazione delle misure per Firenze

294
Monia Monni


Download PDF

‘A disposizione del Comune 3,5 mln di euro per la sostituzione dei veicoli più inquinanti’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Presentate oggi, 10 febbraio, le misure adottate dal Comune di Firenze in attuazione delle disposizioni regionali per il miglioramento della qualità nell’aria previste dopo la firma dell’accordo tra Regione e Ministero dell’Ambiente, avvenuta lo scorso febbraio 2020.

Misure che riguardano i settori maggiormente responsabili delle emissioni inquinanti.

Alla conferenza stampa è intervenuta, insieme agli Assessori Del Re e Giorgetti, anche l’Assessore all’ambiente Monia Monni.

Ammontano a 3,5 milioni di euro gli incentivi per sostituire i veicoli diesel più inquinanti e serviranno per finanziare due bandi.

Dal 31 marzo vietato l’accesso in ZTL e area viali tratto piazza Libertà / viale Amendola – Giovine Italia per i veicoli fino a Euro 4. Per i residenti prevista una deroga per 18 mesi.

Per sostituire i veicoli sarà possibile usufruire degli incentivi messi a disposizione dalla Regione, attraverso due bandi che saranno emanati dal Comune di Firenze.

Le emissioni dei diesel inquinanti, secondo le analisi della Regione, sono la causa principale dei superamenti dei limiti di biossido di azoto nell’agglomerato di Firenze, che influiscono complessivamente per il 78 per cento.

Ha detto l’Assessore Monia Monni:

Lo dico senza mezzi termini: una delle principali sfide che dovremo affrontare in Toscana e a Firenze sarà quella relativa all’ambiente.

L’inquinamento va combattuto con interventi sulla mobilità e sugli impianti di riscaldamento degli edifici perché sono queste le due maggiori fonti di inquinamento in città.

Come Regione, ultimamente, abbiamo stanziato 5 milioni di Euro sull’efficientamento energetico, che hanno permesso anche di finanziare la riqualificazione del plesso scolastico dell’Istituto Tecnico Leonardo da Vinci.

In tema di mobilità Firenze ha già intrapreso la strada giusta investendo sul sistema tramviario che, in questi anni, ha permesso di ridurre le emissioni di CO2 di 14.000 tonnellate l’anno.

Oggi facciamo un passo ulteriore verso il miglioramento della qualità dell’aria della città metropolitana fiorentina e grazie all’accordo di programma con il Ministero dell’Ambiente, stanziamo 3,5 milioni di euro per il Comune di Firenze, che serviranno per la sostituzione dei veicoli diesel, fino a Euro 4.

Un’altra misura riguarderà la sostituzione dei vecchi impianti di riscaldamento delle famiglie economicamente fragili, attraverso incentivi per 1 milione di euro l’anno per i prossimi 3 anni.

Gli interventi che oggi presentiamo rappresentano la giusta via per coniugare la legittima esigenza di mobilità di cittadini e imprese con una visione moderna e sostenibile di Firenze.

Ha detto l’Assessore Del Re:

Questa pandemia ci ha dimostrato quanto sia importante prendersi cura della qualità dell’aria, anche del contesto urbano in cui viviamo: alcuni studi dimostrano infatti come il Covid si sia diffuso più velocemente nei territori maggiormente inquinati da un punto di vista atmosferico.

Per agevolare i residenti nel Comune di Firenze in possesso di auto Euro 3 ed Euro 4 Diesel, interessati dal divieto di circolazione nella fascia interdetta a seguito dell’infrazione comunitaria, abbiamo lavorato ad un bando contributi che vanno a cumularsi a quelli messi già a disposizione dal governo per l’acquisto di nuove auto.

Per i residenti nell’area interdetta, abbiamo previsto una duplice misura di attenzione: il contributo per loro sarà raddoppiato e potranno attendere comunque 18 ulteriori mesi per cambiare auto.

Abbiamo inoltre previsto un contributo maggiore per le fasce di reddito più basse e anche in relazione alle auto meno inquinanti. Questa misura sarà definita all’interno del Piano della qualità dell’aria che approveremo nella prossima primavera.

Sottolinea l’Assessore Giorgetti:

Con questo provvedimento anticipiamo, per una porzione importante della città, le previsioni dello ‘Scudo Verde’ che sarà completato entro il prossimo anno.

Limitare l’accesso dei veicoli più inquinanti è fondamentale come è altrettanto importante aver dato l’opportunità di poter sostituire questi mezzi con un contributo rilevante per i residenti, con attenzione all’ISEE, che potrà essere sommato agli altri incentivi statali.

Nei bandi si prevedono anche importanti contributi per il ricambio dei mezzi di imprese, artigiani e imprenditori autonomi residenti a Firenze.

Tutte le informazioni sui bandi sono reperibili sul sito del Comune di Firenze.

Print Friendly, PDF & Email