Home Territorio ‘Non mi dire te l’ho detto’ al Teatro Totò

‘Non mi dire te l’ho detto’ al Teatro Totò

699
'Non mi dire te l'ho detto'


Download PDF

In scena dal 25 dicembre al 5 gennaio a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Sarà di Paolo Caiazzo lo spettacolo che terrà compagnia al pubblico del Teatro Totò di Napoli per tutto il periodo natalizio.

In scena dal giorno di Natale alle ore 21:00, fino al 5 gennaio 2020, il popolare attore comico che firma pure il testo e la regia, proporrà ‘Non mi dire te l’ho detto’ portando nello spazio di via Cavara a Foria diretto da Gaetano Liguori, una trascinante comicità che pur prendendo spunto dallo stile della commedia inglese moderna mantiene integri tutti i sapori della napoletanità.

In scena con Yuliya Mayarchuk e ancora con Felicia Del Prete, Giovanna Landolfi e Nicola Pavese, il coinvolgente Caiazzo, si avvale anche della partecipazione di due artisti come Ciro Ceruti e Gianni Parisi.

Il desiderio di ritrovare vecchi amici, e la voglia di collezionarne nuovi, ha decretato il successo dei social. Ma ogni nuova moda ha il rovescio della medaglia ed i suoi effetti collaterali. L’eterno piacere del corteggiamento, ancor più spregiudicato se virtuale, minaccia un già precario equilibrio coniugale di Guglielmo e Raffaella Martinelli.

Lui dottore mediocre, ma con un invidiabile curriculum di… scappatelle, e Lei affascinante ex modella alla ricerca spasmodica di maternità. Grazie ad una collega il dottor Martinelli ha modificato il risultato delle analisi nascondendo la propria infertilità e riversando il problema sulla moglie.

Raffaella cade in una profonda crisi depressiva, finché per il bene della coppia si decide di avviare le pratiche per un’adozione di un bambino straniero.

La donna, a questo punto, pubblica la news sulla sua bacheca, ma un’operazione maldestra del marito sul suo profilo le svela la verità insieme a numerosi contatti con pazienti – amanti…

La situazione si complica per le visite inaspettate di un assistente sociale per la pratica di adozione, di un ispettore dell’ufficio immigrazione e del parroco.
Una scappatella extraconiugale rischia così di trasformarsi in tragedia, ma tutto volgerà verso un inaspettato lieto fine.

Print Friendly, PDF & Email