Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, approvata la prima legge di revisione ordinamentale 2021

Lombardia, approvata la prima legge di revisione ordinamentale 2021

417
Palazzo Pirelli


Download PDF

Soddisfatti i gruppi di maggioranza: ‘Colmate carenze e recepite istanze’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Via libera del Consiglio regionale alla prima legge di revisione ordinamentale del 2021 che contiene per gli ambiti istituzionale, economico e territoriale, circoscritte e limitate modifiche, integrazioni o specifiche sostituzioni di disposizioni legislative. Diversi gli interventi deliberati dall’Assemblea lombarda.

Contrasto al gioco d’azzardo: più vigilanza
Regione Lombardia conferma il suo impegno nelle attività di contrasto ai fenomeni di dipendenza da gioco d’azzardo, incrementando le disposizioni volte a contenere l’impatto negativo della pratica del gioco sulla sicurezza urbana, migliorando le operazioni di vigilanza attiva della Regione.

Fra le novità, è stata introdotta la possibilità da parte degli esercenti di segnalare il mancato rispetto della normativa sugli accessi ai locali dove si pratica il gioco d’azzardo lecito da parte degli avventori tramite invio di una mail ad una casella di posta elettronica messa a disposizione dalla Regione.

Si tratta di una scelta assunta in base a criteri di valorizzazione del principio di legalità nella fase di supporto al gestore che ritiene di aver subito una violazione da parte degli utenti che fanno ingresso presso le aree del proprio esercizio adibite al gioco.

Polizia locale e sicurezza: arriva la pistola al peperoncino
Gli agenti di Polizia Locale potranno usare pistole al peperoncino e dissuasori di stordimento a contatto. L’intervento emendativo, fa chiarezza su alcune dotazioni già di pubblica vendita e di cui la normativa già prevede l’utilizzo, ma che non vengono solitamente utilizzate dai corpi di Polizia Locale per complessità nei rimandi normativi che non chiariscono l’effettivo utilizzo recando dubbi e paure nell’uso. In questo caso, viene specificato che oltre agli spray irritanti si possono usare anche prodotti equipollenti comunemente conosciuti come ‘pistole al peperoncino’.

Discorso analogo per i dissuasori di stordimento a contatto, i cosiddetti stargun, che per tipologia e funzionamento si differenziano dai teaser: i primi sono strumenti di difesa e non di offesa come i secondi. Introdotta anche una specificazione in relazione all’uso dei guanti anti taglio e dei termo scanner, mefisti, detti anche passamontagna, e mascherine, anche in relazione al particolare periodo che stiamo vivendo caratterizzato dall’esigenza di contenimento della diffusione del Covid-19.

Edilizia pubblica: equilibrio delle condizioni sociali
L’integrazione sociale è l’obiettivo delle modifiche introdotte nel capitolo che riguarda case ALER e alloggi pubblici. Attraverso opportune modifiche regolamentari, il provvedimento di legge si pone l’obiettivo di favorire il raggiungimento nei singoli stabili di un equilibrio che tenga conto delle condizioni sociali, anagrafiche, reddituali e di nazionalità. Viene inoltre accentuata la via prioritaria per disabili e anziani nell’assegnazione. Sarà possibile per i nuclei familiari indicare la preferenza, dove disponibile, per la zona o frazione di Comune.

Previsti, infine, per i Comuni nuovi strumenti per affrontare situazioni di particolare criticità, per esempio riduzione della durata dei contratti, modalità di subentro nell’assegnazione più restrittive, possibilità di sospensione dell’esecuzione del provvedimento di decadenza con la sottoscrizione di un rigoroso piano di rientro del debito.

Prevista la possibilità di scorrimento delle graduatorie per l’assegnazione degli alloggi pubblici per eventuali nuove unità abitative, emendamento Carmela Rozza, PD.

Introdotta inoltre una disposizione transitoria che dà la possibilità di assegnare ai nuclei familiari in graduatoria anche le unità abitative che si rendono disponibili dopo l’apertura dell’avviso e pertanto non previste inizialmente, emendamento Gianluca Comazzi, Forza Italia.

Associazionismo fondiario: prevenire rischi idrogeologici
Viene promosso l’associazionismo fondiario inteso come strumento per il miglioramento dei fondi esistenti e la ricostituzione delle unità di coltivazione, con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio dei rispettivi proprietari e prevenire i rischi idrogeologici e di incendio contrastando l’abbandono dei terreni soprattutto nelle aree montane

Scuola: spazi aggiuntivi dalle Fattorie didattiche
Previo accordo con l’Ufficio scolastico regionale, in deroga alle disposizioni vigenti e per il solo perdurare dello stato di emergenza, le fattorie didattiche potranno mettere i propri spazi e locali a disposizione degli istituti scolastici per assicurare il mantenimento delle disposizioni di sicurezza e distanziamento durante il corso e il programma delle lezioni

Caccia: l’obbligo del giubbino ad alta visibilità solo per i cinghiali
Molte le modifiche e le novità introdotte.
Il cacciatore d’ora in poi potrà provvedere alla segnatura dell’animale/volatile a cui ha sparato anche dopo il suo recupero e non necessariamente al momento della sua presunta uccisione. È fatto obbligo ai cacciatori di indossare il giubbino ad alta visibilità solo durante le battute di caccia al cinghiale e non per quelle alla lepre.

Viene prorogata di 12 mesi la validità delle autorizzazioni per la caccia da appostamento fisso in scadenza per questa stagione e per la prossima, pari a 942 e 498 licenze in provincia di Bergamo e a 735 e 5.141 licenze in provincia di Brescia: la complessità delle attività istruttorie da svolgere per il rinnovo di tali autorizzazioni non consentirebbe infatti agli uffici competenti di esaminare in tempo utile tutte le richieste.

Per i corpi e i servizi di Polizia provinciale viene introdotto l’obbligo e non più la sola facoltà di avvalersi degli operatori volontari specificatamente formati e abilitati nella gestione faunistica, con l’obiettivo di facilitare i piani di abbattimento per le specie più invasive come il cinghiale: gli stessi cinghiali e tutti gli ungulati d’ora in poi potranno inoltre essere cacciati laddove il terreno è coperto di neve anche nelle zone di pianura.

Carne di cinghiale: è consentito, fino a un massimo di due capi all’anno, che l’operatore volontario porti a casa il capo abbattuto a titolo di ricompensa per il lavoro svolto.
Nell’uso dei richiami vivi per la caccia da appostamento è consentito l’utilizzo anche di anellini in plastica o altre materiale idoneo: in questo modo si evitano gli anelli di acciaio che provocano danni alle zampette degli uccellini.

Viene introdotta una deroga al termine del 31 marzo per il cambio della forma di caccia per i cacciatori che non hanno praticato l’attività venatoria nell’anno o negli anni passati.
È previsto l’esonero dalla procedura di vincolo idrogeologico per la realizzazione di capanni fissi.

Orti didattici, urbani e collettivi: applicazione dell’agricoltura sostenibile
I progetti riguardanti la realizzazione di orti didattici, orti urbani e orti collettivi dovranno prevedere esplicitamente l’applicazione di tecniche di agricoltura sostenibile che prevedano a titolo esemplificativo il risparmio idrico, il riciclo dei rifiuti e l’assenza di prodotti chimici. Per questi stessi progetti grande rilevanza viene data al ricorso a tecniche e pratiche di apicoltura finalizzate a favorire l’impollinazione naturale.

Sostegno all’attività agricola: salvaguardia delle aree
Viene valorizzata l’agricoltura nelle aree protette prevedendo che tale attività venga considerata prioritaria nella concessione di contributi regionali. L’80% delle aree inserite nei parchi ha destinazione agricola: con questo intervento si intendono promuovere iniziative di salvaguardia, recupero e mantenimento di ambiti di interesse naturalistico.

Parco delle Groane
La legge prevede la proroga del termine di adozione della variante al Piano territoriale di coordinamento del Parco del Groane, che slitta di un anno rispetto al termine iniziale del 30 giugno 2021.

Trasporti: allungati i termini dei sistemi tariffari integrati
Uno dei settori più colpiti dalla pandemia è quello dei trasporti, la cui regolamentazione risponde al programma della mobilità e dei trasporti basato sui dati della domanda e dell’offerta. Si è reso pertanto necessario prorogarne la scadenza per evitare che il calo dell’utenza degli ultimi due anni incida negativamente sulla sua attuazione. Prorogati anche i termini per l’adozione dei sistemi tariffari integrati.

Gli ordini del giorno
Nel contesto del progetto di legge di revisione ordinamentale 2021, il Consiglio ha approvato anche alcuni ordini del giorno. Con il primo di essi, proposto dal consigliere segretario Giovanni Malanchini, Lega, si richiama l’attenzione sulla regolamentazione dei nuovi insediamenti logistici, suggerendo la necessità di programmare gli insediamenti sulla base di criteri di intermodalità, di contenimento del consumo del suolo, di rigenerazione urbana e di sviluppo sostenibile. La regolamentazione delle nuove realizzazioni o dell’ampliamento degli insediamenti logistici sul territorio regionale è l’oggetto anche dell’ordine del giorno d’iniziativa di Matteo Piloni, PD.

Approvati due ordini del giorno proposti da Carmela Rozza, PD, che riguardano i servizi abitativi pubblici, ed in particolare le procedure di sfratto per i nuclei familiari la cui morosità è dovuta alla pandemia e le risorse per il recupero degli alloggi destinati a nuclei familiari con disabili.

Voto favorevole del Consiglio anche al documento proposto da Nicola Di Marco, M5S, per il completamento dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili fra i diversi operatori del trasporto pubblico.

Le dichiarazioni di voto
Soddisfatto il relatore del provvedimento.

Ha detto il Consigliere della Lega Floriano Massardi:

Si tratta di una norma che introduce modifiche circoscritte e limitate, che consente l’inserimento di puntuali integrazioni e specifiche sostituzioni all’interno delle leggi vigenti.

In questo contesto mi è stato possibile portare avanti numerose istanze provenienti dal mondo venatorio. Si tratta di importanti conquiste, ottenute con non poche difficoltà, a tutela della nostra amata passione: la caccia.

Semaforo verde da Forza Italia.

Ha dichiarato il Consigliere Ruggero Invernizzi annunciando il voto favorevole del suo gruppo:

In questa legge ordinamentale c’è tutto il pragmatismo di Regione Lombardia nel riordino normativo. Colmiamo carenze che vengono segnalate e al tempo stesso operiamo una salutare opera di semplificazione e sburocratizzazione.

Parole cui hanno fatto eco quelle della Consigliera Alessandra Cappellari, Lega:

Questa legge ci consente di intervenire sulle problematiche riguardanti diverse materie.
Si tratta di norme pratiche che aiutano a individuare soluzioni importanti, come ad esempio nel caso della Polizia locale che offre la possibilità agli agenti di dotarsi di strumenti in grado di garantire loro incolumità.

Pollice verso da parte del Movimento Cinque Stelle.

Ha commentato il Consigliere Simone Verni:

Si è scritta una delle pagine più tristi di Regione Lombardia, creando un danno incredibile all’ambiente e alla natura. Come sempre si insiste, come nella caccia, con decisioni che vanno contro normative nazionale ed europee.

Contrario anche il PD: il Capogruppo Fabio Pizzul nel suo intervento ha citato il cantautore Franco Battiato scomparso ieri notte:

Ha spiegato Pizzul:

Sul ponte sventola bandiera bianca. Un ritornello che fotografa bene quello che ci rimane da fare come Partito Democratico. Abbiamo infatti tentato di collaborare per migliorare il testo, soprattutto su tematiche importanti come la casa, la caccia e le aree protette, ma il nostro contributo è stato respinto. È una legge che ci espone a ricorsi e sanzioni.

Print Friendly, PDF & Email