Home Territorio Estero Covid-19: Redouane, fronteggiamo crisi anche a costo di sacrifici

Covid-19: Redouane, fronteggiamo crisi anche a costo di sacrifici

1111
Moschea di Roma


Download PDF

Il Segretario generale della Grande moschea di Roma è intervenuto in una conference call del Ministero dell’Interno

Resta prioritario fronteggiare questa enorme crisi dovuta dalla pandemia da Coronavirus anche a costo di sacrifici.

È quanto ha affermato il Segretario generale del Centro Islamico Culturale d’Italia, CICI, Abdellah Redouane, intervenendo oggi nel corso della conference call con il capo dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno, Michele Di Bari, dedicato all’esercizio delle libertà di culto nell’ambito dell’attuale epidemia da Coronavirus.

Nel corso della videoconferenza, finalizzata a dare la possibilità alle differenti tradizione religiose di pronunciarsi su questa epidemia e sulle problematiche relative ai luoghi di culto e agli spostamenti dei Ministri del culto, Redouane ha spiegato:

L’epidemia non né vinta né debellata e rimane prioritario il fronteggiare questa enorme crisi anche a costo di rinunce e sacrifici. Pur capendo il desiderio dei fedeli di ritrovarsi nella preghiera collettiva o anche il problema di molti imam rimasti senza stipendio per due mesi o dei luoghi di culto che non sono in grado di pagare l’affitto o il mutuo, e che se la situazione dovesse perdurare, diverrebbe insostenibile per molte realtà, riteniamo che questi non siano motivi tali da mettere a repentaglio la salute e la vita dei fedeli e dei cittadini.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.