Home Territorio Estero Yemen: attesi 12 milioni di vaccini, la metà di KSRelief

Yemen: attesi 12 milioni di vaccini, la metà di KSRelief

238
vaccini yemen


Download PDF

Lo ha annunciato il Governo legittimo yemenita per combattere la pandemia nel Paese

Il Governo legittimo yemenita ha annunciato che quest’anno riceverà 12 milioni di dosi di vaccino contro il Coronavirus, che nella sua seconda ondata sta provocando molti decessi, a causa della precarietà del settore sanitario.

Il Sottosegretario al Ministero della Salute yemenita, Ali Al-Walidi, ha dichiarato in una conferenza stampa tenutasi nella capitale provvisoria, Aden, che il suo Paese ha finora ricevuto 360 mila dosi come primo lotto di vaccini, a cui seguirà un altro lotto di un milione e 600 mila dosi.

Entro la fine dell’anno, lo Yemen riceverà più di 12 milioni di dosi di vaccino da Kovac.

Il funzionario yemenita ha affermato che il King Salman Humanitarian Aid and Relief Center, KSRelief, coprirà il 50% del fabbisogno yemenita di vaccini autorizzati a livello internazionale, apprezzando il ruolo della ONG saudita per il suo sostegno al settore sanitario yemenita.

Al-Walidi ha spiegato che il primo lotto del vaccino sarà distribuito ai governatorati non appena gli accordi con i partner internazionali, rappresentati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, OIM, e dall’UNICEF.

Il Sottosegretario al Ministero della Salute yemenita ha rimarcato che la campagna di vaccinazione si svolgerà in 133 distretti di 13 governatorati, oltre a fornire strutture sanitarie anche nelle zone sotto il controllo degli Houthi con diecimila dosi.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.