Home Campania Comune di Napoli Napoli, approvato il bilancio consolidato 2017

Napoli, approvato il bilancio consolidato 2017

620
Enrico Panini

Il Consiglio comunale dice sì al documento sullo stato di salute del “sistema Comune”

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

Nella serata di oggi, 28 dicembre 2018, il Consiglio comunale ha approvato il Bilancio Consolidato 2017, un importante documento che fotografa lo stato di salute del “sistema Comune”, cioè Comune di Napoli e 8 partecipate consolidate di cui 4 in liquidazione.

Dichiara il Vicesindaco e Assessore al Bilancio, Enrico Panini:

Questo documento è il risultato di un lavoro attento e puntuale con il quale rendicontiamo in modo trasparente alla città lo stato di salute del sistema pubblico del Comune di Napoli.

Con il consolidato si mettono a disposizione informazioni utili a programmare, gestire e controllare con maggiore efficacia l’intero gruppo pubblico.

Uno stato di salute assolutamente discreto in quanto, dall’analisi del consolidato emerge un’ottima patrimonializzazione dell’Ente, in grado di assolvere alle fondamentali funzioni pubbliche e di sopperire ai debiti contratti.

Ora ricomincia il vero lavoro, nel senso che, avendo a disposizione dati nuovi che prima non avevamo, siamo in grado di compiere delle operazioni, che in assenza di un consolidato risultavano oggettivamente impossibili: efficientare, ridurre gli sprechi, intervenire su ogni voce di spesa al fine di offrire più servizi di qualità alle donne e agli uomini della nostra città.

Il bilancio consolidato del 2017 presenta dei valori significativi in riferimento sia al totale attivo patrimoniale, che ha fatto registrare un valore di circa 8,8 miliardi di euro, sia al valore del patrimonio netto che è di circa 5,6 miliardi.

L’indebitamento totale dell’Ente e delle sue partecipate, invece, si attesta attorno ai 4,4 miliardi di euro al quale si contrappone un ottimo livello di solidità patrimoniale.

L’approvazione del Bilancio Consolidato consente all’Ente di procedere, dunque, alle previste assunzioni nei vari settori strategici della ‘Sicurezza’, con la contrattualizzazione di 94 agenti della Polizia Locale, della ‘Scuola’, con l’assunzione di circa 50 unità di personale di area educativa, tra istruttori socio – educatori e maestre, e delle ‘Politiche Sociali’, con l’impegno di 181 figure multidisciplinari, tra cui assistenti sociali, educatori, psicologi etc., che opereranno negli interventi di contrasto alla povertà attraverso la misura del REI, Reddito di Inclusione.