Home Territorio Estero Israele, recuperato uovo di gallina intatto di circa 1000 anni fa

Israele, recuperato uovo di gallina intatto di circa 1000 anni fa

133
The Egg - Photo - Dafna Gazit Israel Antiquities Authority
The Egg - Photo - Dafna Gazit Israel Antiquities Authority


Download PDF

L’eccezionale scoperta è avvenuta grazie agli scavi dell’Israel Antiquity Authority a Yavne

Riceviamo e pubblichiamo.

Durante gli scavi di un antico pozzo nero risalente al periodo islamico, circa 1.000 anni fa, gli archeologi dell’Israel Antiquity Authority a Yavne, distretto centrale di Israele, sono rimasti sbalorditi nel trovare un uovo di gallina intatto.

Gli scavi archeologici su larga scala, diretti dal Dr. Elie Haddad, dal dr. Liat Nadav-Ziv e dal Dr. Jon Seligman, hanno scoperto un’area industriale estesa e diversificata risalente al periodo bizantino. Gli scavi fanno parte del progetto di espansione urbana della Israel Land Authority nella città.

Afferma il dott. Lee Perry Gal dell’Israel Antiquity Authority e uno dei maggiori esperti di pollame del mondo antico:

Frammenti di guscio d’uovo sono noti da periodi p recedenti, ad esempio nella città di Davide e a Cesarea e Apollonia, ma a causa dei fragili gusci delle uova, quasi nessun uovo di gallina è stato conservato intero. Anche a livello globale, questa è una scoperta estremamente rara.

Negli scavi archeologici, occasionalmente troviamo antiche uova di struzzo, i cui gusci più spessi le conservano intatte.

dice l’archeologo dell’Israel Antiquity Authority Alla Nagorsky, Direttore degli scavi nel sito in cui è stato trovato l’uovo

Ancora oggi, raramente le uova sopravvivono a lungo nei cartoni dei supermercati. È incredibile pensare che questa sia una scoperta di oltre 1.000 anni!

La conservazione unica dell’uovo è evidentemente dovuta alle condizioni in cui è rimasto per secoli, annidato in un pozzo nero contenente ‘morbidi’ rifiuti umani che lo hanno preservato.

L’allevamento di pollame è stato introdotto in Israele 2.300 anni fa, durante i periodi ellenistico e romano antico. Nel periodo islamico, dal VII secolo d.C in poi, si registra una marcata diminuzione della percentuale di ossa di maiale nei siti della regione, riflettendo il divieto di mangiare carne di maiale.

Spiega il dott. Perry Gal:

Le famiglie avevano bisogno di un sostituto proteico pronto che non richiedesse raffreddamento e conservazione, e lo hanno trovato nelle uova e nella carne di pollo.

Sfortunatamente, l’uovo aveva una piccola crepa sul fondo, quindi la maggior parte del contenuto era fuoriuscito. Rimaneva solo una parte del tuorlo, che è stato conservato per future analisi del DNA.

Nonostante l’estrema cautela con cui l’uovo è stato rimosso, il guscio dell’uovo – preservato intero dalle insolite condizioni anaerobiche – è stato rotto. Nel laboratorio di prodotti organici dell’Autorità per le antichità israeliane, l’ambientalista Ilan Naor ha riportato l’uovo nello stato in cui è stato trovato.

Come è finito l’uovo nel pozzo nero? Non lo sapremo mai. È interessante notare che altri reperti interessanti sono stati recuperati dalla stessa fossa, tra cui tre tipiche bambole in osso del periodo islamico usate come giocattoli circa 1.000 anni fa.

Alla Nagorsky mostra il reperto di uovo di gallina Photo- Gilad Shtern, Israel Antiquities Authority
Alla Nagorsky mostra il reperto di uovo di gallina Photo- Gilad Shtern, Israel Antiquities Authority
Print Friendly, PDF & Email