Home Territorio Estero Albania ringrazia Toscana per donazione 2.500 flaconi plasmaderivati

Albania ringrazia Toscana per donazione 2.500 flaconi plasmaderivati

236
Plasma provette


Download PDF

Saccardi: ‘Una collaborazione che proseguirà per consolidare le possibilità di cura a favore dei pazienti emofilici albanesi’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Un ringraziamento arriva dall’Ospedale albanese di Tirana ‘Madre Teresa’ alla Regione Toscana e all’azienda ospedaliero universitaria Meyer, per la donazione di 1.500 flaconi di fattore VIII e 1.000 flaconi di fattore IX.

Specifica l’Assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi:

La donazione è avvenuta lo scorso settembre, nell’ambito della convenzione tra il Meyer e il centro ospedaliero albanese.

Una collaborazione in corso da tempo, che proseguirà ancora, per consolidare le possibilità di cura a favore dei pazienti emofilici albanesi.

Scrive Enkelejdi Joti, Direttore generale del Centro ospedaliero universitario ‘Madre Teresa’:

Quest’ultima donazione, nella lettera di ringraziamento inviata all’Assessore risulta particolarmente significativa perché ci consente finalmente di avere l’opportunità di promuovere, per la prima volta, l’adozione di protocolli di profilassi per i nostri bambini e di essere in linea con quelle che sono le raccomandazioni previste in materia dai principali enti ed organizzazioni internazionali.

Non meno importante risulta essere l’accompagnamento della Toscana, assieme ad altre eccellenze italiane, che ci è sempre stato fornito nei termini di assistenza tecnica e formazione che ha permesso lo sviluppo e la crescita del centro nazionale di riferimento per l’emofilia all’interno del mio ospedale.

La nostra collaborazione ha contribuito allo sviluppo di terapie adeguate che, se affiancate alla continuità di disponibilità di prodotto, ci permette di garantire una copertura adeguata dei bisogni di cura dei 300 pazienti affetti da emofilia e altre malattie emorragiche congenite e di mitigare una delle cause del pendolarismo sanitario tra l’Albania e l’Italia e molto spesso presso la Sua Regione.

Print Friendly, PDF & Email