Home Cultura Sant’Anastasia, Arte e Spettacolo

Sant’Anastasia, Arte e Spettacolo

1008


Download PDF

La serata conclusiva della rassegna il 19 giugno al Teatro Gregorio Rocco

Venerdì 19 giugno alle ore 20.00, presso il Teatro Gregorio Rocco, in via P. R. Sorrentino 22, a Sant’Anastasia, si svolgerà la serata conclusiva della rassegna “Sant’Anastasia, Arte e Spettacolo”, arrivata XXIII edizione con la rassegna 2014-15.

La manifestazione è organizzata dal Teatro Gregorio Rocco con il patrocinio della Regione Campania, del Comune di Sant’Anastasia – Assessorato alla Cultura e con l’adesione morale del Centro Studi Religiosità Popolare Arco, Biblioteca Arco, Santuario Madonna dell’Arco. Diverse personalità si sono impegnate nella riuscita degli eventi. Presidente Onorario è Ermanno Corsi, giornalista e scrittore; la consulenza critico-letteraria è affidata al Prof. Gianfranco Bartalotta, della cattedra di Storia del Teatro e dello Spettacolo, presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre; direttore artistico è invece il Maestro Carmine Giordano.

Evento centrale della serata sarà l’assegnazione del Premio Teatrale Nazionale “Franco Angrisano”, istituzionalizzato dal Comune di Sant’Anastasia, che ha come prestigioso Presidente della giuria la Prof.ssa Lucia Stefanelli Cervelli, scrittrice ed esperta in drammaturgia e comunicazione scenica.

L’albo d’oro ha visto già premiati artisti come Isa Danieli, Mario Verdone, Roberto De Simone, Mariano RiEnzo Moscatogillo, Marina Confalone, Gianfelice Imparato, Giuliano Montaldo, Ruggero Cappuccio, Anna Maria Ackermann e Carlo Croccolo. Come, nel passato, sono stati ospiti Giulio Baffi, Alessandra Borgia, Antonio Casagrande, Caterina De Santis, Marzio Honorato, Francesco Paolantoni, Gino Rivieccio, Giacomo Rizzo, Gigi Savoia, Bruno Venturini.

Il concorso, inserito nella sezione “corti di teatro” – “Monologhi per prova di attore” ha visto esibirsi attori professionisti emergenti con un corto di teatro, monologo originale o adattato, della durata massima di dieci minuti. Per la sezione “Riconoscimento a Personalità rappresentativa dell’Arte e dello Spettacolo” quest’anno il premio è stato assegnato a Enzo Moscato, autore e regista, tra i capofila della nuova drammaturgia napoletana con un teatro scritto e interpretato in forme coraggiosamente inconsuete, tra i più originali e anomali del panorama teatrale italiano, insignito di numerosi e prestigiosi premi o riconoscimenti legati al settore: Premio Riccione per il Teatro 1985, Premio IDI 1988, Premio UBU per il Teatro 1988 e 1994, Premio della Critica 1991, Biglietto d’Oro AGIS 1991, Premio   Internazionale  di  Radiofonia  del Festival di Ostankino (Russia) 1994, Premio Annibale Ruccello e Premio Viviani 2002, Premio Franco Carmelo Greco 2004, Premio Pulcinellamente 2008, Premio Benevento Città Spettacolo 2009 ed altri.

Enzo leggioMoscato è considerato l’interprete di un nuovo teatro di poesia che riconosce i suoi ascendenti non solo nei grandi autori e compositori napoletani, ma in Artaud, in Genet, nei poeti maledetti di fine secolo, in Pasolini; una lingua arcaica e modernissima, un plurilinguismo tutto suo che lo hanno imposto all’attenzione della critica e del pubblico non soltanto italiani.

La Rassegna ha ospitato in cartellone Compagnie il cui repertorio è finalizzato soprattutto alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio storico-linguistico locale, svolgendo, altresì, un importante e delicato ruolo catalizzatore di nuove energie, dedicando uno spazio di accoglienza per giovani attori ed autori al fine di incentivarne ulteriormente la ricerca drammaturgica ed interpretativa.

Ciò va inteso anche in rapporto all’espressione filmica e documentaristica considerato che tra drammaturgia e sceneggiatura il rapporto è di confronto ed interscambio, ma soprattutto vale nella produzione di documentari per la caratteristica di un territorio che accoglie espressioni di alto valore antropico-sociale di forte valenza religiosa.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Giuseppina Iuliano

Giuseppina Iuliano, giornalista pubblicista, laureata in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli 'Federico II', esperta di relazioni pubbliche, marketing e comunicazione sociale.