Home Territorio XI Verbano Classic Regatta: i vincitori

XI Verbano Classic Regatta: i vincitori

939
Equipaggi Verbano Classic 2023 - foto Maccione
Equipaggi Verbano Classic 2023 - foto Maccione


Download PDF

Conclusa sul lago Maggiore l’XI edizione della più importante e partecipata regata nazionale per vele d’epoca e classiche disputata in acque interne

Riceviamo e pubblichiamo.

Sono state 36 le imbarcazioni a vela d’epoca, classiche e tradizionali che dal 1° al 3 settembre 2023 hanno partecipato a Cerro di Laveno Mombello, borgo lacustre sulla sponda orientale del lago Maggiore, all’undicesima edizione della Verbano Classic Regatta.

Due le regate disputate, con brezze leggere e temperature estive.

Nei raggruppamenti in cui è stata suddivisa la flotta hanno vinto San Giuseppe, Gozzi, Star 1907, Cruiser, Alouette, Racing, Tivano V, Dinghy 12′, e, infine, San Giusto III, Derive.

Oblio del 1893, la più antica imbarcazione partecipante, si è aggiudicata il premio per il miglior restauro della deriva d’epoca.

L’Inglesina Anna ha vinto il primo Palio dedicato a queste caratteristiche lance a remi in legno, originariamente importate sui laghi lombardi dai primi turisti inglesi agli inizi dell’Ottocento.

La manifestazione è stata organizzata dall’AVEV, l’Associazione Vele d’Epoca Verbano, presieduta da Paolo Sivelli, in collaborazione con il CVMV, il Circolo Velico Medio Verbano capitanato da Roberto Tommasi detto ‘Scienza’ e la Canottieri Cerro Sportiva con il patrocinio della FIBaS, Federazione Italiana Barche Storiche, AIVE, Associazione Italiana Vele d’Epoca, ASDEC, Associazione Scafi d’Epoca e Classici, e il sostegno di Regione Lombardia, Comune di Laveno Mombello.

Le regate e le classifiche 2023

Le imbarcazioni sono state suddivise in 5 categorie. Rappresentate le associazioni Vela Tradizionale, Superbamente, Vela Classica del Garda, A.B.I.L. e lo Yacht Club Italiano di Genova con lo splendido day cruiser Isabella, progetto dell’americano Herreshoff. Alla premiazione ha presenziato anche il Sindaco di Laveno Mombello Luca Santagostino.

Di seguito i primi tre classificati di ogni raggruppamento.

Categoria Gozzi:
1° San Giuseppe, 2° Robilù, 3° Maniman.

Categoria Racing:
1° Alouette, Toucan, 2° Shedir, Star, 3° Whisper, 5.5 Metri S.I..

Categoria Cruiser: 1° Star 1907, gaff cutter, 2° Stroich, Int. Folkboat, 3° Sturmvogel, Flying Flipper.

Categoria Dinghy 12′: 1° Tivano V, 2° Gagà, 3° Runamor.

Categoria Derive: 1° San Giusto III, Strale, 2° Mistral, Strale, 3° Totolla, Lightning.

I vincitori hanno ricevuto vele in ceramica di Laveno realizzate appositamente per l’evento. Il Memorial Piero Bedoni, è stato assegnato quest’anno al monzese Piero Marchese, per avere fatto tornare a navigare ‘con dedizione e romanticismo’ la deriva Narwhal, un raro esemplare di monotipo Cusio, costruita sul Lago d’Orta nel 1938 in legno di larice, mogano e frassino.

Oblio vince il Premio per il migliore restauro della deriva d’epoca

Con l’edizione 2023 della Verbano Classic Regatta è nato il ‘Premio per il miglior restauro della deriva d’epoca’, vinto quest’anno da Oblio, sloop aurico datato 1893.

La barca, costruita in fasciame di larice su ossatura di mogano e acacia e paramezzale in rovere, è lunga 5,50 metri e larga 2,05 metri. Imbarcazioni di questo tipo, simili agli ottocenteschi Clipper d’Argenteuil, sono state raffigurate anche nei dipinti dei francesi Monet e Renoir.

Nel 1984 Oblio è stata acquistata a Cannobio, sul lago Maggiore, dal progettista navale Silverio Della Rosa, che per determinarne l’anno di costruzione ha commissionato un’indagine dendrocronologica della trave di chiglia, basata sull’analisi degli anelli di accrescimento della pianta. Gran parte dell’attrezzatura è ancora quella originale dell’epoca.

In regata era presente a bordo anche il pluricampione di vela Enrico Negri, vincitore di competizioni sui Maxi, Fun e J24.

Il ‘Premio per il miglior restauro della deriva d’epoca’ è stato realizzato in collaborazione con il Rotary Club Sesto Calende-Angera, che ha donato il premio consegnato dal suo presidente Marco Feller.

1° Palio delle Inglesine, vittoria di Anna

Una vera e propria sfida a colpi di remo quella tenutasi sabato mattina 2 settembre presso il Porto Antico di Cerro di Laveno in occasione del ‘Primo raduno universale Inglesine’.

Sei lance a remi di lunghezza variabile tra 5 e 7 metri hanno dato vita al primo Palio, organizzato in collaborazione con la Canottieri Cerro Sportiva, fondata nel 1919, dedicato a questo genere di scafi costruiti in legno di mogano a clinker, arrivate sui laghi lombardi fin dai primi dell‘800 al seguito delle facoltose famiglie inglesi che qui venivano a trascorrere le vacanze.

La vittoria è andata a Anna, un’Inglesina del’AVEV costruita negli anni Ottanta dal Cantiere Vidoli di Stresa, che ha preceduto sulla linea del traguardo l’Inglesina della famiglia Pedotti, con equipaggio della Canottieri Cerro, seguita da Nena, Giada e Jolanda.

Presente anche la lancia di 7 metri di Vittorio Castellini, costruita nel 1920 dai Cantieri Ronchi di Pallanza. Il raduno è stata occasione per avviare il Registro Universale Inglesine, riconosciuto dal comitato scientifico della FIBaS, Federazione Italiana Barche Storiche, che consente a tutti i proprietari di ottenere l’attestato di riconoscimento di imbarcazione di interesse storico italiano. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto.

Tre giorni di vela, cultura e gastronomia

L’undicesima edizione della Verbano Classic Regatta è iniziata venerdì mattina 1° settembre presso le Officine dell’Acqua di Laveno Mombello, gli ex magazzini ferroviari riqualificati da AVEV in un museo di barche storiche e centro didattico-formativo.

Qui al mattino, con la partecipazione dell’associazione Le Farfalle Lilla presieduta da Tatiana Ianniello, si è svolta la conferenza ‘Tradizione, alimentazione e salute’ tenuta dal foodwriter ed esperto di cucina e costume alimentare Pierre Ley e da Giorgia Merazzi, biologo nutrizionista.

Sala gremita nel pomeriggio per l’incontro, moderato dal velista Tansar Owsia, su ‘Come riconoscere, evitare e gestire il maltempo sul lago Maggiore’ nel quale hanno relazionato Stefano Galmarini, fisico dell’atmosfera, Giuseppe Vanetti, lupo di lago decano dell’AVEV, e Luciano Brovelli, velista professionista.

Ha partecipato anche il nucleo mezzi navali della Guardia Costiera, dal 12 giugno attivo stabilmente sul lago Maggiore con 16 tra uomini e donne, rappresentato dal suo Comandante, il 1° Luogotenente Sebastiano Valenti.

Le istituzioni locali erano presenti con Fabio Bardelli, Vicesindaco di Laveno Mombello e da Elisabetta Belfanti, Assessore ai Servizi Sociali, Politiche giovanili e Istruzione.

Sempre presso le Officine dell’Acqua si è tenuto l’aperitivo di benvenuto per armatori ed equipaggi, che sabato sera hanno partecipato alla cena di gala per 120 regatanti orchestrata dallo chef Matteo Bandera della Hostaria del Golfo di Laveno presso il cinquecentesco Palazzo Guilizzoni Perabò di Cerro di Laveno, suggestiva sede del Museo Internazionale Design Ceramico.

Print Friendly, PDF & Email