Home Territorio ‘Se ci credi’, presentazione nuovo album di Antonio Pignatiello

‘Se ci credi’, presentazione nuovo album di Antonio Pignatiello

766


Download PDF

Il 27 dicembre al MAVI di Lacedonia (AV)

Riceviamo e pubblichiamo.

‘Se ci credi’, Goodfellas / Believe, il terzo disco d’inediti dell’irpino Antonio Pignatiello, sarà presentato venerdì 27 dicembre a Lacedonia.

L’appuntamento è alle 17:30 presso l’aula didattica del MAVI, il Museo Antropologico Visivo Irpino, via Tribuni, 61, dove il cantautore racconterà del suo nuovo lavoro discografico pungolato dalle domande dei giornalisti Michele Fumagallo, Il Manifesto – Alias, Rosaria Carifano,Irpiniapost, e Maria Fioretti, Orticalab.

Ci sarà anche occasione per guardare i due fortunati videoclip dei singoli che hanno anticipato l’uscita del disco, che al momento si attestano sulle 25mila visualizzazioni, e di ascoltare qualche brano in versione unplugged: chitarra, armonica e voce.

‘Se ci credi’ è un concept album e racconta il sogno di una generazione precaria, quella degli anni ’80: la crisi dei rapporti, la fuga dei cervelli, lo scricchiolare dei valori morali; un viaggio attraverso dieci canzoni, dieci vite, dieci immagini che si intrecciano su un sentiero di precarietà e insicurezza ma sempre in cerca di una vita migliore e di una “promised land“.

Un viaggio nel profondo per provare a raccontare la complessità della vita “Con parole semplici”, per usare le parole di Bukowski.

Diretto e prodotto da Taketo Gohara, sound designer che ha firmato lavori di Vinicio Capossela, Brunori Sas, Marta sui Tubi, Negramaro, Motta, Ministri, Verdena, Mauro Pagani e di tanti altri, l’album si compone di dieci brani. Un disco di grande intensità fatto con pochi strumenti e qualche colore, come quelli della fisarmonica di Roberto Manuzzi, grande jazzista per anni al fianco di Francesco Guccini.

Il sound di Pignatiello attinge dal rock americano e riporta ad artisti di riferimento come Bruce Springsteen e Tom Waits.

Racconta Pignatiello:

Inseguivo un’atmosfera, un paesaggio sonoro in grado di raccontare quel mondo che avevo vissuto durante la mia infanzia e che ancora mi portavo addosso; un posto che conservava intatta una parte delle mie impronte… I fantasmi di Se ci credi li avevo frequentati in quelle vecchie strade affamate di sogni e di gioventù.

La mia famiglia, i miei amici, Bruce Springsteen, Rolling Stones, Neil Young, Woody Guthrie… i romanzi di Jack Kerouac, Bukowski, Henry Miller, John Fante, Cesare Pavese, Italo Calvino, i racconti di Fernanda Pivano… i film western di Sergio Leone e quelli di fantascienza di Steven Spielberg.

Biografia
Antonio Pignatiello è un cantautore irpino, vive a Roma. Musicista, cantastorie, insegnante. Laureato al D.A.M.S. di Roma Tre con una tesi sperimentale cinema – TV con Carlo Freccero, ha collaborato con giornali e TV.
Ha curato la regia di videoclip ed è stato aiuto regista nel cortometraggio ‘Molo 22’ con Philippe Le Roy e Donato Placido.

Dopo aver vinto con la canzone ‘Folle’ il Premio per il miglior brano inedito al Solarolo Festival 2010, ha esordito in campo discografico nel 2013 con l’album ‘Ricomincio da qui’, Controrecords, cui ha fatto seguito nel 2015 ‘A sud di nessun nord’, Controrecords / Goodfellas / Artist First.

Nell’agosto 2015 Antonio Pignatiello è stato ospite dello Sponz Fest di Vinicio Capossela, accompagnato dai musicisti della Banda della Posta, e, nel dicembre dello stesso anno, ha suonato con Eugenio Bennato, Vincenzo Costantino Chinaski e Pietra Montecorvino.
Nel 2017 partecipa come attore al film indipendente ‘Era del Rame’ del regista Esteban Vivaldi, nella cui colonna sonora compaiono alcune canzoni di ‘A Sud di nessun Nord’.
Nel 2018 cura la colonna sonora del cortometraggio sperimentale ‘Esubero’ del regista Valerio Nicolosi.

Ha pubblicato i seguenti racconti:
‘Vecchi ragazzi, cattivi, ubriachi e squattrinati’, AA.VV., Scrivi la città, a cura di Sara Picardo, Stampa Alternativa, 2009;
‘Miei occhi verdi’, AA.VV., ‘Lettera d’amore’, Edizioni Noubs, 2012;
‘Inchiesta in bianco e nero’, AA.VV., La notte in cui fu clonato il presidente, a cura di Claudio Comandini, Edizioni Noubs, 2013;
‘Una voce in mezzo al fiume’, AA.VV., L’ofanto dagli impeti di vortici e di creste a cura di Alfonso Nannariello, GAL CILSI, 2016.

Antonio Pignatiello - 'Se ci credi'

Print Friendly, PDF & Email