Home Territorio Estero Yemen: Houthi, morti 200 loro combattenti in 4 mesi

Yemen: Houthi, morti 200 loro combattenti in 4 mesi

476


Download PDF

Monitoraggio dei funerali nel periodo dal 3 ottobre 2022 al 31 gennaio 2023

La milizia Houthi ha riconosciuto, negli ultimo quattro mesi, la morte di 200 dei suoi combattenti, la maggior parte dei quali sono ufficiali del gruppo, che hanno perso la vita negli scontri con le forze governative dello Yemen.

Si calcola un ritmo di 50 combattenti al mese, dalla fine dell’armistizio delle Nazioni Unite all’inizio Ottobre.

I dati si basano sulle statistiche raccolte dalla piattaforma mediatica “Yemen Future”.

Le esequie si sono svolte nel periodo dal 3 ottobre 2022 al 31 gennaio 2023. La milizia non ha menzionato le cause dei decessi.

Secondo le statistiche, l’ultimo trimestre dell’anno 2022 ha visto la morte di 146 combattenti. Dicembre si è classificato al primo posto con 59 combattenti Houthi, seguito da ottobre con 49 combattenti, novembre con 38 combattenti, oltre a 54 combattenti uccisi durante il mese scorso, gennaio 2023.

Le statistiche rivelano che circa il 92% del totale dei combattenti Houthi caduti in battaglie con le forze governative negli ultimi quattro mesi sono di rango militare più alto. Si parla di 184 ufficiali distribuiti tra due con il grado di Maggiore Generale. Lo stesso numero con il grado di Brigadiere Generale, 16 con il grado di Colonnello e 18 con il grado di Generale di Brigata Tenente Colonnello. In 31 con il grado di Maggiore, 81 con il grado di Tenente, primo e secondo, 34 con il grado di Capitano, oltre a 7 con il grado di assistente e 9 personale di combattimento.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.