Home Territorio Estero Yemen: USA fermano 4 carichi di armi iraniane agli Houthi

Yemen: USA fermano 4 carichi di armi iraniane agli Houthi

466


Download PDF

The Wall Street Journal: ‘Le forze francesi hanno sequestrato una barca carica di armi e munizioni iraniane diretta agli Houthi lo scorso gennaio’

Il comando centrale degli Stati Uniti ha annunciato di aver intercettato, negli ultimi due mesi, 4 operazioni di contrabbando di armi iraniane destinate ai ribelli Houthi dello Yemen. 

Il Comandante del comando centrale degli Stati Uniti, Michael Korella, ha elogiato la sicurezza dello Yemen per aver sequestrato 100 motori di droni destinati agli Houthi e, nel corso di una telefonata con il Capo di Stato Maggiore dell’esercito dello Yemen, Sagheer bin Aziz, ha rinnovato l’impegno per la sicurezza del Medio Oriente.

Il portavoce del Comando centrale, Joe Buccino, ha affermato che questo tipo di operazioni sono necessarie per la sicurezza e la stabilità regionali.

Ciò avviene mentre il Wall Street Journal ha riferito, mercoledì 1° febbraio, che le forze speciali francesi hanno recentemente sequestrato una barca carica di armi e munizioni che l’Iran stava trasportando il carico agli Houthi nello Yemen.

I funzionari di Parigi hanno affermato che il 15 gennaio una nave da guerra francese ha fermato una barca sospettata di contrabbando al largo delle coste dello Yemen e che le forze francesi sono salite a bordo, sequestrando più di 3.000 fucili, mezzo milione di munizioni e 20 missili guidati anticarro che erano diretti verso gli Houthi.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.