Home Rubriche Da Oriente a Occidente Dalla parte di chi soffre?

Dalla parte di chi soffre?

387


Download PDF

Sui coach del pensiero positivo

È mai possibile non rendersi conto che taluni ‘consulenti new-age’ non siano affatto dalla parte di chi soffre?

A chi mi riferisco?

A quelli, per esempio, che non esitano a predicare la legge di attrazione come se fosse una bibbia:

Se ti capitano eventi negativi è perché li hai attirati tu!

Con questo genere di affermazioni non fanno il bene dei loro allievi o dei loro pazienti perché li colpevolizzano.

La natura, per dirla con Leopardi, è matrigna, per nulla interessata alle tue vibrazioni positive e se capita che ti tiri addosso un’alluvione, un terremoto, un tifone, guarda che tu non c’entri proprio niente.

La natura sa essere crudele e caotica, non solo bella e benigna come invece si vuole far credere a chi si lascia facilmente trasportare fuori dalla realtà.

Le malattie possono avere cause multiple e non vengono attirate solo perché non sai pensare in positivo – altra colpevolizzazione nei confronti del malato – bensì prodotte dai più variegati complessi organici e ambientali.

Se bastasse emanare vibrazioni positive per stare bene avremmo un mondo senza guerre, senza fame, miseria, catastrofi naturali e malattie.

Credere di poter risolvere ogni problema grazie alla concentrazione mentale è, a dir poco, da ingenui.

È vero che i processi mentali aiutano, ma non sono tutto, poiché non siamo fatti solo di ciò che pensiamo, bensì anche di DNA, delle esperienze che facciamo, dell’educazione familiare, ambientale e sociale e, non ultimo, degli imprevisti i quali, a dispetto delle tue vibrazioni energetiche, ti presentano l’amaro conto della loro invadenza.

Resta aggiornato sui Programmi Gayatri 

Print Friendly, PDF & Email

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.