Home Territorio NTFI 2020: programma del 27 luglio

NTFI 2020: programma del 27 luglio

350
'Su X giù Gaber'


Download PDF

Al via l’ultima settimana della tredicesima edizione

Riceviamo e pubblichiamo.

Domani, lunedì 27 luglio, l’ultima settimana della tredicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia, diretto per il quarto anno consecutivo da Ruggero Cappuccio, realizzata con il forte sostegno della Regione Campania e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, si apre con eventi divisi tra il Palazzo Reale e il Real Bosco di Capodimonte e una tappa salernitana.

Alle 21:00 nel Cortile della Reggia di Capodimonte, ingresso da Porta Piccola, Renato Salvetti e Famiglia Esposito presentano ‘Su X giù Gaber’, uno spettacolo che fa compiere un viaggio dentro l’universo musicale di Giorgio Gaber, di cui firmano soggetto e regia Renato Salvetti e Antonella Ippolito, anche interpreti accanto a Gianni Migliaccio, Agostino Oliviero, Emiliano Berti e Riccardo Schmitt.

Uno spettacolo che trova un centro tra Nord e Sud nelle canzoni del Signor G. I suoi confini geografici si mescolano con le armonie del sud, con i suoi classici e i suoi strumenti tradizionali, dando vita a nuova e inaspettata bellezza. L’ironia, la poesia, la malinconia, la leggerezza e l’attualità dello chansonnier si fondono con i venti del sud per rinnovare e amplificare sonorità ed emozioni senza fine.

‘Su X giù Gaber’ viene trasmesso gratuitamente anche in live streaming su live.napoliteatrofestival.it, su Radio CRC, sul Canale 620 del Digitale Terrestre e sull’App ufficiale di CRC, e sulla piattaforma Ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania. Il ricavato dello spettacolo, programmato nella sezione Musica del Festival, sarà devoluto in beneficenza all’Istituto Nazionale Tumori ‘Fondazione Pascale’ di Napoli.

Alle 21:00 a Salerno, per la sezione Progetti Speciali, la ‘Festa dei Teatri Salerno’, Culture per la socialità animerà il Cortile del Teatro Ghirelli. L’evento, che ha per sottotitolo di questa edizione ‘Manifesto di Cittadinanza VentiVenti’, è ideato e diretto da Marco Dell’Acqua in collaborazione con Dipartimento Salute Mentale, DSM, ASL Salerno e Associazione Culturale Teatri di Popolo.

Venti voci, sedici attori e quattro musicisti, faranno corpo unico in una partitura scenica che si propone di riflessione critica e costruttiva sulla bellezza e la potenza produttiva della solidarietà.

In scena gli attori Teresa Pepe, Fatima Mutarelli, Giacomo D’agostino, Salvatore Criscuolo, Ciro Mollo, Mario Rotolo, Enzo Peluso, Annamaria Avagliano, Antonino Baldi, Francesco Palladino, Michela Chirico, Marzia Brighenti, Nicola Paolelli, Prof. Giuseppe Lissa, Prof. Ernesto Scielza, Prof. Piero Lucia, accompagnati dalla musica di Tonico 70, Giuseppe Maiellano, Francesco Cirillo, Giuseppe Desiderio.

Scrive Marco Dell’Acqua:

‘Manifesto di Cittadinanza’ invita lo spettatore ad immaginarci corpo unico, rassicurandoci al contempo circa la presenza affidabile del prossimo, lontano o vicino che sia, perché si celebri concretamente e quotidianamente la gioia di esserci come cittadini di un tempo infinito.

A cornice dello spettacolo sarà presentata la redazione nata nella SR Via Bastioni, 12 UOSM Salerno di ‘Il Gattaccio di via Bastioni’, il primo giornale delle buone novelle.

Alle 21:00 replicano gli spettacoli ”A cirimonia – (L’impossibilità della verità)’, testo di Rosario Palazzolo, interpretato e diretto da Enzo Vetrano e Stefano Randisi in scena nel Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale e Il dolore di prima, il libro di Jo Lattari pubblicato daCastelvecchi Editore con prefazione di Franco Cordelli. In scena Betti Pedrazzi, Arturo Cirillo, Valentina Picello, Paola Fresa.

Ultimo appuntamento in calendario degli incontri della Letteratura, intitolata Prima e a cura di Silvio Perrella. Alle 19:00 nel Casino della Regina del Real Bosco di Capodimonte, ingresso da Porta Miano, ‘Nel nome di Giambattista Vico e Giacomo Leopardi e i buchi neri’. Vico e Leopardi amavano l’anteriorità, cioè quel che ci precede e ci radica nel terriccio del mondo come alberi – umani.

Ospiti Antonio Biasiucci, uno dei più originali fotografi italiani contemporanei, Mariafelicia De Laurentis, professore di astronomia e astrofisica all’Università di Napoli Federico II, e Fiorinda Li Vigni, ricercatrice e, dal 2016, segretario generale dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.

L’evento vede la partecipazione di Alfio Antico, straordinario musicista siciliano, considerato il maestro del tamburo a cornice nel mondo: il suo percorso artistico è stato segnato negli anni Settanta dall’incontro con Eugenio Bennato, che gli ha permesso di lavorare al fianco di Peppe Barra, Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Fabrizio De André, Lucio Dalla, Vinicio Capossela.

Scrive Perrella:

Baluginii, fosfeni, buchi neri, rotazioni tutte da studiare. Un’astrofisica, un fotografo e una filosofa si fanno dare il ritmo dalla telluricità primordiale delle tammorre. È così che il pensiero si mette a ballare sulla soglia del commiato.

L’incontro è in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.

Sul sito napoliteatrofestival.it sono consultabili le promozioni e gli eventi gratuiti.

Print Friendly, PDF & Email