Home Toscana Regione Toscana Falda apuana SIN/SIR, conclusa seconda campagna di indagini su acque

Falda apuana SIN/SIR, conclusa seconda campagna di indagini su acque

409
Massa Carrara


Download PDF

Il 16 dicembre a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze l’illustrazione del lavoro di indagine ambientale realizzato sulla falda sottostante l’area del SIN/SIR di Massa-Carrara

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Verrà illustrato lunedì 16 dicembre a Firenze il lavoro di indagine ambientale realizzato sulla falda sottostante l’area del SIN/SIR di Massa-Carrara. Appuntamento alle ore 10 in Sala Pegaso della Presidenza della Regione Toscana in Piazza Duomo 10.
Con il Presidente della Regione Enrico Rossi e l’Assessore all’ambiente Federica Fratoni, saranno presenti gli amministratori di Massa e Carrara, rappresentanti di ARPAT e di Sogesid.

A distanza di 15 mesi dall’avvio delle attività, la Regione Toscana è in grado di mostrare, assieme a Sogesid SpA, società “in house” del Ministero dell’ambiente che svolge il ruolo di soggetto attuatore degli interventi, e a tutti gli attori istituzionali coinvolti e all’ATI affidataria degli interventi, lo stato complessivo della contaminazione che interessa le acque sotterranee di questa vasta area della Toscana.

ARPAT, all’inizio dello scorso novembre, ha terminato le analisi sui campioni prelevati nel corso della seconda campagna di indagini e messo a disposizione i relativi di rapporti di prova, oltre 7.800 valori analitici. Sogesid dopo aver opportunamente digitalizzato i dati, ha elaborato, analogamente alla prima campagna di indagini, una serie di cartografie che sono state rese disponibili dal 3 dicembre scorso sul sito dell’ARPAT e un modello matematico funzionale alle attività di bonifica.

La conclusione dello studio è un importante punto di partenza per il proseguo delle attività di bonifica previste dai due accordi di programma sottoscritti nel 2016 e nel 2018, che complessivamente hanno messo a disposizione per la bonifica della falda circa 25,5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email