Home Campania Napoli I voti al 2014 azzurro

I voti al 2014 azzurro

783


Download PDF

NapoliEcco i nostri voti per il 2014 azzurro:

 

1 per la mancata qualificazione ai gironi di Champions: una squadra che intende essere protagonista in Europa non può essere umiliata al San Mames da una squadra con un organico nettamente inferiore.

2 per i troppi punti persi in campionato contro squadre medio-piccole. Se si vogliono raggiungere traguardi prestigiosi, bisogna affrontare tutte le gare con la mentalità vincente.

3 alla difesa azzurra, che spesso si è lasciata facilmente penetrare. Il vero tallone di Achille di questa squadra.

4 al mercato estivo: la dirigenza non doveva attendere la qualificazione alla Champions per investire sul mercato. Gli acquisti servivano per aumentare la qualità della rosa e arrivare pronti all’appuntamento decisivo.

5 a Rafa Benitez, che, sebbene si sia dimostrato bravo ad uscire dal momento di crisi di inizio stagione, troppo spesso pecca di fondamentalismo tattico col suo 4-2-3-1. Forse in qualche occasione non farebbe male adattarsi alle caratteristiche dei calciatori.

6 al mercato invernale: il nostro è un voto non definitivo perché la sessione del mercato invernale è nel vivo. Per il momento l’arrivo di Gabbiadini e di Strinic rappresenta un buon inizio. Le priorità degli azzurri, però, restano la mediana e la difesa.

7 al cammino in Europa League: la qualificazione è arrivata senza problemi, in un girone, però, abbastanza semplice per gli azzurri.

8 all’attacco azzurro, tra i più produttivi del campionato. Higuaίn, Callejón, Mertens e Insigne sono stati implacabili. A questi possiamo aggiungere il panterone Zapata, che sta finalmente esplodendo con un’ottima media gol.

9 per le partite perfette disputate al San Paolo contro la Juventus (2-0) e contro la Roma in Coppa Italia (3-0) e in campionato (2-0). Sono vittorie che fanno esponenzialmente aumentare il rammarico dei tifosi per i punti regalati ad avversari di medio-bassa classifica.

10 per le due coppe conquistate. Certo non valgono uno scudetto, ma possono rappresentare una buona dose di ottimismo per il nuovo anno.

 

 

Carmelo Cutolo

Print Friendly, PDF & Email
Carmelo Cutolo

Autore Carmelo Cutolo

Carmelo Cutolo, giornalista pubblicista, dottore di ricerca in Filologia classica, docente di lettere nelle scuole di secondo grado, appassionato di poesia, di ciclismo e di calcio.