Home Territorio Estero Yemen: Marina USA confisca carico di armi a nave in Mar Arabico

Yemen: Marina USA confisca carico di armi a nave in Mar Arabico

278


Download PDF

Si pensa che fossero armi destinate ai ribelli Houthi

La Quinta Flotta della Marina degli Stati Uniti ha annunciato, in un comunicato, che la corazzata USS Monterrey ha confiscato un enorme carico di armi da una nave non registrata in nessun Paese nelle acque internazionali del Mar Arabico il 7 maggio.

Secondo la dichiarazione rilasciata dal Comando centrale delle forze navali statunitensi, il carico di armi comprendeva decine di missili guidati anticarro avanzati di fabbricazione russa, migliaia di fucili d’assalto cinesi di tipo 56 e centinaia di mitragliatrici PKM, fucili di precisione e lanciagranate a propulsione a razzo.

La dichiarazione aggiunge che la fonte originale e la destinazione prevista del materiale sono attualmente sotto inchiesta. Si ritiene, però, che si tratti di armi inviate dall’Iran ai ribelli Houthi dello Yemen.

La Marina degli Stati Uniti conduce pattugliamenti di routine nella regione per garantire il libero flusso del commercio per il traffico legittimo, interrompere il trasporto di merci illecite che spesso finanzia il terrorismo e le attività illegali e salvaguardare l’ordine internazionale basato su regole.

Dopo che tutto il carico illecito è stato rimosso, la nave è stata valutata per l’idoneità alla navigazione e, dopo essere stato interrogato, il suo equipaggio ha ricevuto cibo e acqua prima di essere rilasciato.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.