Home Territorio Estero Yemen: giornalisti chiedono rilascio colleghi detenuti da Houthi

Yemen: giornalisti chiedono rilascio colleghi detenuti da Houthi

157
giornalisti yemeniti condannati a morte


Download PDF

Quattro giornalisti rischiano la pena di morte dopo essere stati accusati di spionaggio

Un gruppo di giornalisti yemeniti sopravvissuti ad anni di torture nelle carceri Houthi chiede alla comunità internazionale di fare pressioni sui ribelli affinché liberino quattro dei loro colleghi condannati alla pena di morte.

Abdel-Khaleq Amran, Akram al-Walidi, Hareth Hamid e Tawfiq al-Mansouri sono stati arrestati insieme ad altri sei giornalisti durante le incursioni Houthi nella capitale, Sana’a, nell’estate del 2015, poco dopo che la Coalizione guidata dai sauditi è intervenuta nello Yemen guerra.

Il gruppo di 10 alla fine è stato accusato di spionaggio, tra cui “collaborazione con il nemico” e “diffusione di notizie e voci false” per indebolire i ribelli sostenuti dall’Iran.

Gli uomini affermano di essere stati sottoposti a trattamenti come tortura, fame e isolamento per anni prima che il loro caso fosse portato davanti a un giudice nominato dagli Houthi nell’aprile 2020. Tutti e 10 sono stati condannati, ma sei sono stati liberati sotto rigorose condizioni di sorveglianza, e banditi dalla pratica giornalistica, mentre gli altri quattro sono stati condannati a morte.

Ai familiari e agli avvocati della difesa non è stato permesso di assistere al processo e l’appello è stato annullato. Amnesty International ha già affermato che i 10 uomini sono stati arrestati con accuse “inventate” per aver svolto il loro lavoro.

I sei giornalisti liberati e le loro famiglie sono riusciti a lasciare lo Yemen e ora vivono al Cairo, uno dei principali centri della diaspora.

Avremmo bisogno di scrivere libri per descrivere [completamente] ciò che abbiamo passato e sofferto in queste strutture di detenzione.

Solo Dio conosce le difficoltà e le sofferenze delle nostre famiglie in nostra assenza… E ci sono ancora quattro giornalisti, che sono stati condannati a morte all’interno di queste prigioni oscure, in attesa che il destino intervenga per salvare le loro vite e riportarli ai loro figli.

Lo si legge in una dichiarazione del gruppo inviata al giornale “The Guardian“.

Mio figlio è solo un civile, non è un soldato, non ha combattuto nessuno, non era coinvolto in politica. Non si meritava qualcosa del genere per sette anni.

Lo ha detto la madre di uno dei detenuti, che ha chiesto di non essere nominata.

Gli Houthi sono accusati da gruppi per i diritti umani di incarcerare e torturare regolarmente dissidenti e sospettati di spionaggio per conto della Coalizione.

Questi quattro colleghi vengono usati dagli Houthi come pedine, per ricattare sia la comunità internazionale che il Governo yemenita.

Lo ha detto Buthaina Faroq, un’attivista yemenita che è stata anche costretta a lasciare il Paese e vive in Malesia.

Ogni singolo giorno è importante per loro bloccati in prigione. Gli Houthi sono imprevedibili, potrebbero decidere di tenerli o giustiziarli in qualsiasi momento.

Secondo Reporter Senza Frontiere, circa 20 giornalisti yemeniti sono tenuti prigionieri dagli Houthi o da al-Qaeda. Lo Yemen si è classificato al 167° posto su 180 paesi nell’indice sulla libertà di stampa dell’organizzazione per il 2020.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.