Home Territorio Estero Yemen: esercito riconquista siti strategici a sud di Marib

Yemen: esercito riconquista siti strategici a sud di Marib

254
Marib


Download PDF

Ingenti perdite tra le fila dei ribelli Houthi

L’esercito yemenita e i combattenti della resistenza sono riusciti a liberare e riconquistare i siti militari strategici a sud di Marib, dopo intensi scontri con la milizia Houthi.

Secondo quanto riportato dal sito locale “26sepnews.net“, un ufficiale ha confermato che, nella mattina di martedì 19 ottobre, l’esercito yemenita ha lanciato una controffensiva durante la quale è riuscito a riconquistare e liberare diversi siti militari strategici sui fronti meridionali di Marib.

Ha anche aggiunto che le forze armate sono state in grado di riprendere i siti militari alla periferia dei distretti di Al-Juba e Harib, dopo il crollo del fronte dei ribelli sostenuti dall’Iran. La milizia sciita ha subito ingenti perdite umane e materiali in termini di vite umane e attrezzature. Un gruppo di miliziani Houthi, con tutte le sue attrezzature militari, si è arreso all’esercito nazionale.

L’esercito yemenita aveva annunciato che sono in corso nuove battaglie sul fronte meridionale del Governatorato di Marib e violenti scontri nelle aree di Al-Juba e Mala’a, con il supporto degli aerei della Coalizione, contro i siti della milizia Houthi. Un caccia della Coalizione ha distrutto un blindato e armi pesanti delle milizie golpiste nella zona di Aqaba, che ha subito pesanti perdite durante le battaglie.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.