Home Territorio Estero Yemen: esercito distrugge 75% capacità Houthi a Marib

Yemen: esercito distrugge 75% capacità Houthi a Marib

279
Houthi


Download PDF

Le forze dell’esercito ottengono il controllo del territorio liberando importanti siti e tagliando le vie di rifornimento alle milizie

Il portavoce ufficiale dell’esercito yemenita, il Generale di brigata Abdo Majali, ha annunciato che l’esercito nazionale, con il supporto dell’aviazione della Coalizione, è riuscito, nei giorni scorsi, a distruggere il 75% delle capacità di combattimento che la milizia Houthi che ha mobilitato nel Governatorato di Marib.

In una conferenza stamp, il Generale di brigata Majali ha confermato che le forze armate stanno riprendendo il controllo del territorio liberando importanti siti, tagliando le vie di rifornimento delle milizie e respingendo tutte le infiltrazioni e gli attacchi ostili, sui vari fronti di combattimento a Marib e Al-Jawf, osservando che l’esercito sui fronti del Governatorato di Marib continua le operazioni offensive.

I caccia della Coalizione araba hanno effettuato molti raid aerei, che hanno distrutto decine di veicoli Houthi sui fronti di Al-Mushajah, Al-Kasara, Jabal Murad e Sarwah. Ha sottolineato che le difese aeree dell’esercito nazionale sono riuscite ad abbattere un drone esplosivo a Jabal Murad e un altro aereo alla periferia della città di Marib, che doveva mirare a colpire obiettivi civili.

Majali ha evidenziato che le milizie Houthi stanno ancora continuando i loro atti criminali, mirando, deliberatamente e sistematicamente, a civili e sfollati nella città di Marib e nei villaggi e campi circostanti con missili balistici e droni. Ha rimarcato i recenti attacchi alla città di Marib, che hanno causato la morte di dozzine di civili, compresi bambini e donne, osservando che sono atti condannati e costituiscono crimini di guerra e non sono soggetti a prescrizione.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.