Home Territorio Estero Yemen: appello Consiglio Golfo per fermare attacchi su Marib

Yemen: appello Consiglio Golfo per fermare attacchi su Marib

148
Yemen mascherina


Download PDF

Il Consiglio di cooperazione del Golfo chiede pressioni internazionali sugli Houthi per fermare gli attacchi a Marib

Il Segretario generale del Consiglio di cooperazione del Golfo, Nayef Al-Hajraf, ha confermato in una conversazione telefonica con il Ministro degli Affari esteri yemenita, Ahmed Awad Bin Mubarak, il sostegno del Consiglio allo Yemen e il rafforzamento della sicurezza e della stabilità nel Paese.

Le due parti hanno sottolineato l’importanza di coordinare gli sforzi per invitare la comunità internazionale a fare pressione sugli Houthi affinché fermino il loro attacco a Marib e per consentire l’ispezione della petroliera Safer.

Le due parti hanno esaminato gli sforzi dell’inviato delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, e dell’inviato degli Stati Uniti, Tim Lenderking, per spingere il binario politico per risolvere la crisi yemenita e la necessità che tutti rispondano a questi sforzi.

Il Dipartimento di Stato USA ha annunciato che l’inviato in Yemen inizia oggi, 23 febbraio, una visita nella regione per discutere una soluzione alla crisi yemenita.

Inoltre, lunedì, il Direttore della minoranza repubblicana nel Comitato per le relazioni estere del Congresso degli Stati Uniti, il rappresentante Michael McConnell, in una dichiarazione alla stampa, ha invitato l’Amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, a fare pressioni sugli Houthi per fermare l’attacco a Marib.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.