Home Territorio Universiade, Napoli: con le vele a 100 giorni dalle gare

Universiade, Napoli: con le vele a 100 giorni dalle gare

199
Universiade


Download PDF

II tappa del Circuito nazionale della classe 29er di vela

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa Universiade Napoli 2019.

Fine settimana all’insegna dello sport nelle acque del Golfo di Napoli, dove si è disputata la II tappa del Circuito nazionale della classe 29er di vela, organizzata dalla FIV e dal Circolo Italia, che ha visto gareggiare oltre 50 equipaggi provenienti da tutta Italia e dall’estero.

Alla Rotonda Diaz, dove si sono radunati dalle prime ore del mattino i giovani velisti, anche lo stand e le “vele” dell’Universiade Napoli 2019; un’iniziativa realizzata in collaborazione con FIV per promuovere l’evento a 100 giorni dall’inizio. Tanti i napoletani e i turisti che hanno voluto sapere di più sulla 30^ Summer Universiade che si svolgerà dal 3 al 14 luglio a Napoli e in tutta la Campania.

Il programma, le località coinvolte, i Paesi partecipanti. Diverse persone, giovani e meno giovani, hanno colto l’occasione per proporsi come volontari e registrarsi sull’apposita piattaforma online.

Ha detto un giovane papà napoletano:

Ho iscritto mia figlia, perché vorrei farle vivere un’esperienza internazionale interessante per la nostra città e per la sua formazione.

Ha sottolineato Francesco Lo Schiavo, presidente della Federazione Italiana Vela – Campania:

Aver avuto accanto a noi in questa due giorni di sport lo stand dell’Universiade è il miglior risultato di questa sinergia che si è creata con il Comitato Organizzatore: la vela è sport opzionale a Napoli 2019, e sin dall’inizio di quest’avventura la Federazione ha voluto dare il massimo supporto per trovare la formula più coinvolgente possibile nell’unire le capacità organizzative dei Circoli campani di vela a quelle dell’evento.

Il commento di Roberto Mottola, Presidente del Circolo del Remo e della Vela Italia:

Promuovere insieme la prossima Universiade è una cosa che ci riempie di orgoglio, perché di fatto rappresenta una grandissima manifestazione, seconda solo all’Olimpiade.

Porterà a Napoli e in Campania tantissima gente, e sarà anche un modo per promuovere l’immagine della città e dell’intera regione; tutti i napoletani e i campani dovrebbero fare qualcosa nel loro piccolo per dimostrare l’accoglienza e l’ospitalità di cui siamo capaci alle migliaia di stranieri che arriveranno da così tanti Paesi diversi.

Print Friendly, PDF & Email