Home Territorio Terremoto: cosa sta facendo la Regione Lazio e cosa puoi fare tu

Terremoto: cosa sta facendo la Regione Lazio e cosa puoi fare tu

1012
Regione Lazio


Download PDF

Donazione di sangue e aiuti economici

Riceviamo e pubblichiamo.

Attivi i numeri della Protezione Civile: 800840840 e della sala operativa della Protezione Civile Lazio: 803555.

Stamattina riunione di Giunta straordinaria per i primi interventi. Qui tutte le info sui soccorsi, sugli interventi messi in campo e su cosa si può fare per aiutare e dare il proprio contributo alle popolazioni colpite.

Terremoto, ecco cosa sta facendo la Regione dalle prime ore dell’emergenza.
Tutte le forze dell’ordine sono mobilitate per questa incredibile catastrofe. Da ieri il servizio Ares 118 Lazio ha trasportato 372 pazienti negli ospedali di Roma e Lazio, 36 fuori regione. 29 pazienti sono stati trasportati con eliambulanza negli ospedali di Roma e Lazio e 9 fuori Regione, Ascoli Piceno e L’Aquila. In azione ci sono 70 ambulanze e 8 elicotteri e sono stati coinvolti nelle operazioni di pronto soccorso 12 ospedali del Lazio.

I soccorsi
Il 118 ha messo a disposizione i mezzi per l’allestimento di 4 punti medici avanzati: uno già attivo ad Amatrice e uno in procinto di installazione ad Accumoli. Altre due strutture sono pronte per essere allestite in relazione alle necessità.
Sin dalle prime ore del mattino di ieri sono operative decine di associazioni con centinaia di volontari nelle zone colpite dal sisma. Operativi anche i mezzi della colonna mobile inviata dalla protezione civile della Regione Lazio: 12 pick-up, 2 stralis, 2 polisoccorso, 2 bob-cat, 2 rimorchi torre-faro con gruppo elettrogeno e 2 cucine da campo. In aggiunta alla Colonna mobile sono a disposizione e operativi anche ulteriori 9 bob-cat, 2 mini pala, 3 mini escavatore, 2 camion con braccio, 1 terna, 1 faro con gruppo elettrogeno e 11 unità cinofile.
Partita anche la colonna mobile regionale composta da 4 cucine da campo, 20 macchine movimento terra e 71 tende con circa 500 posti letto disponibili.

L’intervento della Protezione Civile
140 le associazioni coinvolte, 367 volontari coinvolti presso i campi di accoglienza: 157 ad Amatrice; 130 ad Accumoli; 80 a Illica. Sono state allestite, con la protezione civile nazionale, aree accoglienza per 1.550 posti, di cui 500 della regione che aumenteranno nelle prossime ore. 45 mezzi operativi messi a disposizione: con la colonna mobile partiti 14 pickup, 2 stralis (camioncini), 2 polisoccorso, 2 bob cat, 2 rimorchi torre-faro con gruppo elettrogeno e con 6 torri-faro, 2 cucine da campo. in aggiunta alla colonna mobile, abbiamo a disposizione e operativi ulteriori 11 bob cat, 3 minipala, 3 miniscavatore, 2 camion con braccio, 1 terna e un faro con gruppo elettrogeno. Presenti anche 11 unità cinofile.

Mezzi e uomini Astral
Astral, l’azienda strade Lazio, immediatamente dopo l’evento sismico, ha richiamato sui luoghi della catastrofe le imprese che abitualmente lavorano nella provincia di Rieti per il servizio di sorveglianza stradale, in particolare c’è stato un grossissimo lavoro che ha riguardato la sr 260 Picente che attraversa la Valle dell’Aterno nel tratto tra L’Aquila Aamatrice, e le infrastrutture viare del comune di Accumoli.

Stamattina riunione di Giunta straordinaria per i primi interventi 
La giunta regionale ha deliberato 5 milioni di euro a sostegno della sostenibilità dell’emergenza e per le esigenze che si potrebbero presentare nelle prossime ore.
Ecco le decisioni principali che sono state prese:

  • 5 milioni di euro per finanziare questa prima fase di soccorsi, integrando la disponibilità ordinaria di risorse della protezione civile;
  • supporto alle popolazioni colpite: proroghe, sospensioni di termini, esenzioni, gratuità tariffarie, verifiche nei luoghi colpiti. Gli assessori, ognuno secondo le sue competenze, verificheranno quali atti amministrativi saranno necessari nei prossimi giorni o settimane per consentire alle popolazioni dei comuni interessati e della Provincia di Rieti per un ritorno alle minime condizioni di normalità dei cittadini;
  • stima e ricognizione delle risorse necessarie per la copertura delle spese relative agli interventi di riparazione dei danni e per il ritorno alle ordinarie condizioni di vita; sarà l’assessore al bilancio ad occuparsene;
  • linee di finanziamento a favore dei territori colpiti: ciascun assessorato si occuperà di valutare la riformulazione di linee di finanziamento previste da disposizioni regionali, ovvero da fondi comunitari, che possano individuare come beneficiari i territori colpiti. Nelle stessa logica, anche il consiglio regionale ha deciso di destinare specificamente ai comuni del terremoto lo stanziamento di 1.2 milioni di euro originariamente previsto per i comuni del Lazio;
  • il tavolo con il Governo per il ripristino delle infrastrutture e delle abitazioni. Sulla base delle stime delle risorse necessarie si chiederà l’attivazione di un tavolo con il governo per la definizione di meccanismi di finanziamento già nella prossima legge di stabilità nazionale.

Come puoi aiutare?
Dona il sangue, abbiamo disposto l’apertura straordinaria dei centri trasfusionali di Roma e Rieti per far fronte all’esigenza di sangue dopo il terremoto.
Chi è in possesso dei requisiti per donare il sangue è invitato a recarsi nei centri che saranno aperti in via straordinaria senza limiti di orario, in particolar modo quello dell’ospedale di Rieti San Camillo de Lellis, in viale J.F. Kennedy, 1. Già oltre 1.500 le donazioni che sono arrivate fino a questo momento, una grande dimostrazione di solidarietà.

Qui tutti i punti dove è possibile donare il sangue

Con una piccola donazione al conto corrente attivato dalla Regione.
In queste ore drammatiche tanti ci stanno chiedendo cosa possono fare per dare un aiuto alle popolazioni colpite dal sisma. Per questo abbiamo attivato un conto corrente dove puoi fare una donazione, anche piccola.

Qui tutte le info

Se non strettamente necessario, evita di percorrere la via Salaria così da agevolare il transito dei mezzi di soccorso impegnati tra Roma e Rieti.
Se ti trovi nelle zone colpite dal sisma, togli la password WiFi al tuo modem e permetti ad altre persone di accedere ad internet così da alleggerire le reti telefoniche cellulari.
Quali i numeri da contattare in caso di emergenze?

Sono attivi i numeri del contact center della Protezione Civile: 800840840

E della sala operativa della Protezione Civile Lazio: 803555

La Asl di Rieti ha attivato un numero dove puoi chiedere informazioni su parenti e amici e sui ricoveri. Puoi chiamare lo 0746-278019

Print Friendly, PDF & Email