Home Toscana Regione Toscana Tatiana Bucci sul Treno della Memoria 2019

Tatiana Bucci sul Treno della Memoria 2019

997
Auschwitz


Download PDF

‘L’Olocausto non tornerà, ma stanno avvenendo cose terribili’

Riceviamo e pubblichiamo.

Ascoltate, considerate, meditate, riflettete. Si apre con gli inviti che Primo Levi nella sua poesia ‘Shemà’ rivolge a chi vive sicuro nelle proprie case e non conosce i lager, il primo workshop sul treno della memoria 2019 diretto a Auschwitz dedicato alla ‘Shoah e l’antisemitismo’.

L’invito ai ragazzi è uno solo: fate questo viaggio pensando. Come ha chiesto Primo Levi, che ha esortato non a ricordare ma a riflettere sulle cose, Tatiana Bucci, sul treno anche quest’anno come testimone, parla ai giovani e dà spunti su cui meditare. È insieme a Ugo Caffaz, l’insegnante e storica Marta Baiardi e Sara Cividalli presidente della comunità ebraica.

Racconta Tatiana, davanti a una cinquantina di studenti stipati nel vagone ristorante allestito a sala incontri:

Ancora oggi mi chiedo come sia potuto accadere tutto l’orrore della Shoah e non ho risposte Ma soprattutto mi tormento assistendo a quanto sta succedendo oggi, quando non siamo ancora pronti ad accettare e tantomeno ad accogliere chi è diverso.

Non credo no che potrebbe riaccadere un Olocausto, ma stanno avvenendo cose terribili. Appena ieri è affondato l’ennesimo barcone in acque libiche, con i suoi 117 morti. Avete visto qualcuno rivoltarsi o lanciare un grido di allarme? Tutto questo procura molto dolore.

I forti rigurgiti di odio e indifferenza di che stiamo vivendo in tutta Europa mi fanno paura. Se prima salivo sul treno per parlare ai giovani, oggi salire sul treno lo sento un dovere.

Print Friendly, PDF & Email