Home Territorio Si conclude il progetto ‘Donna Più’ rivolto a donne in sovrappeso

Si conclude il progetto ‘Donna Più’ rivolto a donne in sovrappeso

676
'Donna Più'


Download PDF

Alto il grado di soddisfazione delle partecipanti

Riceviamo e pubblichiamo.

Promuovere una maggiore consapevolezza in un gruppo di donne in sovrappeso o con obesità e rieducare il corpo al movimento. Questa l’idea di Radices, associazione che ha dato avvio a ‘Donna Più‘.

Il progetto è stato promosso e realizzato a partire dal 20 ottobre grazie al contributo de Il Tulipano Bianco Aps e del Gruppo Accademia di Ricerca e Formazione Clinicopedagogica e Psicosociale nel quartiere di Tor Marancia a Roma.

Le 12 partecipanti hanno potuto prendere parte gratuitamente ad un gruppo di psicoterapia online, tenutosi ogni mercoledì per un periodo di 10 settimane, nonché a due incontri settimanali di attività fisica per tutta la durata del progetto.

L’istruttrice sportiva, Beatrice Denza, dopo essere partita da un livello base per capire le esigenze specifiche di ogni donna, ha proposto delle lunghe camminate all’aria aperta ed inserito esercizi via via più complessi, volti al miglioramento della forza mediante l’uso di pesi e di altre attrezzature.

Commenta Carmela Tiso, Presidente dell’associazione Radices:

Abbiamo creduto fortemente nel binomio corpo – mente, fondamentale per migliorare il livello di autostima della persona. Molto spesso noi donne non crediamo abbastanza nelle nostre potenzialità e tendiamo a colpevolizzarci o ad essere troppo dure con noi stesse.

In un periodo di restrizioni e di forte stress generale, Donna Più ha saputo offrire a queste donne di periferia uno spazio di ascolto, di condivisione e di serenità. Considerando la bella armonia che si è creata nel gruppo, possiamo dirci pienamente soddisfatte del nostro primo progetto.

Le attività proposte durante il gruppo di psicoterapia online, basate sulle tecniche del disegno e della narrazione, sono state un modo per far uscire fuori le emozioni più nascoste, per condividere e per raccontarsi.

Dichiara Cristina Terribili, psicologa e psicoterapeuta, Presidente del Gruppo Accademia di Ricerca e Formazione Clinicopedagogica e Psicosociale:

Il nostro approccio nasce dalla volontà di trovare un’alternativa ai percorsi tradizionali sul trattamento dell’obesità, che portano la persona a sentirsi malata o incurabile laddove precedenti diete e trattamenti falliscono.

Attraverso diversi canali comunicativi narrativi, il disegno e la chat su WhatsApp, si sono abbattute le barriere spazio – temporali.

Il lavoro di gruppo ha permesso alle donne di conoscersi interiormente attraverso le altre e soprattutto di condividere la consapevolezza di non essere sole.

Visto l’elevato grado di soddisfazione delle donne partecipanti, le associazioni stanno già pensando ad una nuova edizione di ‘Donna Più’, al fine di evitare che la preziosa rete di supporto che si è venuta a creare si sfaldi e per coinvolgere un numero maggiore di donne.

Radices è un’associazione al femminile che vuole porre l’attenzione sui casi di fragilità e di emarginazione sociale.

Il Tulipano Bianco è un’associazione di promozione sociale nata nel 2012 con l’obiettivo di tutelare la famiglia e i più deboli e di promuovere una maggiore inclusione sociale laddove il sistema e le istituzioni non riescono ad arrivare.

Gruppo Accademia di Ricerca e Formazione Clinicopedagogica e Psicosociale è un’associazione il cui team multidisciplinare si occupa di interventi dedicati alla persona, in tutte le tappe del suo sviluppo.

Print Friendly, PDF & Email