Home Marche Ascoli Piceno Serie D, reti bianche al ‘Di Tella’ tra Vastogirardi e Porto d’Ascoli

Serie D, reti bianche al ‘Di Tella’ tra Vastogirardi e Porto d’Ascoli

957
Vastogirardi e Porto d'Ascoli


Download PDF

Pareggio nella 24esima giornata Campionato Serie D – Girone F

Riceviamo e pubblichiamo.

24esima giornata Campionato Serie D – Girone F – 19 febbraio 2023 ore 14:30 – Stadio ‘Di Tella’ – Vastogirardi (IS).

Le formazioni

ASD Vastogirardi
Petriccione, Canale (36’st Solimeno), Panaro, Gargiulo, Ruggieri, Grandis, Pierfederici, Antogiovanni, Fiori, Calemme, Hernandez.
A disp. Piga, Modesti, Donatelli, Ortu, Ciocca, Iacullo, Antinucci, Scafa.
All. Tommaso Coletti

Porto d’Ascoli
Testa, Pasqualini, Sensi, Napolano (47’st Souwe), Battista (44’st Verdesi), Zoboletti (26’st Parolisi), Buonavoglia (26’st Petrini), Rovinelli, D’Alessandro, Spagna, Pietropaolo.
A disp. Finori, Passalacqua, Evangelisti, Girolami, Fratini.
All. Davide Ciampelli

La terna arbitrale

Maresca (Napoli), Ceci (Frosinone), Bosco (Roma 2)

Note

Amm. Gargiulo (V.) (10’st), Sensi (P.) (32’st), Hernandez (V.) (32’st), Pierfederici (V.) (35’st)

La cronaca della gara

Si dai primi minuti la gara si caratterizza per la tensione agonistica, col Porto d’Ascoli intenzionato a difendere la sua posizione in zona playoff e il Vastogirardi alla ricerca di una vittoria che sarebbe un balsamo in classifica e per l’umore.

Al primo quarto d’ora due episodi da segnalare, con prima Spagna che su recupero di un pallone in fascia alza un po’ troppo la gamba quasi ad altezza volto su Gargiulo scatenando un duro rimprovero dal direttore di gara, e Fiori poi che proprio in area davanti a Testa e dopo essersi infilato nella difesa tenta un’uncinata all’indietro sul secondo palo, perfettamente impostata ma purtroppo di pochi centimetri fuori.

Unica vera occasione per gli ospiti arriva su punizione, battuta bassa e velenosa, al 17’pt con Petriccione che interviene bloccando al petto. Brivido dieci minuti più tardi ancora con Fiori che riceve da Calemme nell’area piccola e dal vertice tenta il tiro angolato, ma va troppo alto.

Alla mezz’ora ci pensa capitan Ruggieri a suonare la sveglia con un tiro dai 25 metri dei suoi, fuori di pochissimo sul secondo palo. Non c’è traccia degli ascolani nella metà campo di casa in questa fase di gioco, chiusissimi in difesa con gli uomini di Coletta che premono per entrare.

Punizione per il Porto d’Ascoli ribaltata da un velenoso contropiede di Fiori ed Hernandez, che dalla sua fascia cambia tutto e verticalizza ma viene agganciato dalla difesa ospite all’ultimo momento.

Di nuovo poi al 37’pt è Calemme che dribbla due avversari, si gira e ci prova andando ancora alto. Al 40’pt leggerezza di Panaro che concede spazio a un avversario, ma viene tutto disinnescato da Petriccione.

Ultimo brivido con Fiori che parte in contropiede e si fa l’intero ‘Di Tella’ per arrivare alle porte di Testa, con la sfera che finisce ancora fuori.

È un Vastogirardi leonino che torna in campo e continua la sua offensiva incessante: Fiori e Calemme dialogano e costruiscono ma il gol sembra non voler arrivare.

L’occasione più rilevante arriva di sicuro al 19’st: Gargiulo scodella una verticale a centro area dove c’è Pierfederici male equilibrato che non riesce a dare la giusta forza al suo colpo di testa, l’estremo difensore ospite respinge, al limite dell’area c’è Antogiovanni che ci prova di potenza ma non inquadra lo specchio della porta.

Forze fresche per gli ascolani con un paio di cambi e molto nervosismo in campo per alcuni episodi contestati.

Occasionissima per Calemme al 35’st che riceve una palla su grande ripartenza del Vastogirardi in contropiede, e prova il gol da posizione angolata solo davanti a Testa: quest’ultimo però s’inventa una parata che vale la porta salva.

Ancora Pierfederici da destra crossa alla perfezione su Hernandez fuori tempo di un passo per fare goal, quando manca un giro di lancette al tempo regolamentare.

Quattro minuti di recupero in cui il Vastogirardi continua a dominare la partita e c’è tempo per un ultimo guizzo con Grandis che prova a concretizzare un’ultima occasione prima del triplice fischio.

Print Friendly, PDF & Email