Home Territorio ‘Senza glutine’ al NEST

‘Senza glutine’ al NEST

302
'Senza glutine' ph. Manuela Giusto


Download PDF

In scena dal 6 al 7 aprile a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Il 6 aprile, ore 21:00, e il 7 aprile, ore 18:00, arriva al NEST Napoli Est Teatro ‘Senza glutine’ la commedia di Giuseppe Tantillo a tratti amara che intreccia, in modo nuovo, le ossessioni per cibo, amore e malattie.

Regia Giuseppe Tantillo e Daniele Muratore, con Valentina Carli, Vincenzo De Michele, Orsetta De Rossi, Giuseppe Tantillo, scenografia Francesco Ghisu, costumi Alessandro Lai, disegno luci Daria Grispino Rigillo, Argot Produzioni.

È la storia di Fran e Lisa, che hanno trent’anni e stanno insieme da cinque, e di Paolo e Felicia, che di anni ne hanno cinquanta e stanno insieme da quindici. Due coppie o forse quattro. Sono tutti amici, sono tutti amanti. Parlano e sono spesso soli. Si amano, si lasciano e, nel frattempo, ne ridono anche un po’ perché scoprono che non è stato poi tutto così brutto.

D’altronde, come dirà Fran:

Anche le cose belle sono un po’ disgustose e bisognerebbe parlarne di più. La prima volta che mi sono innamorato avevo nove anni. Era il 10 maggio ed erano le sette di sera. E lo ricordo bene perché un’ora dopo saltai la cena per la prima volta nella mia vita a causa di un’improvvisa colica addominale.
Da allora fino al compimento dei trent’anni mi sono innamorato altre otto volte. E a ogni innamoramento è seguito un disturbo di natura gastrointestinale.

Ho sempre letto che il mondo è diviso tra chi ama col cuore e chi con la testa. Io, invece, amo con lo stomaco e l’intestino. E vi assicuro che le conseguenze sono meno romantiche. La verità è che mi riesce difficile scindere il concetto di amore da quello di digestione.
Li considero affini.

Il dizionario Garzanti definisce la digestione “l’insieme dei processi che rendono gli alimenti assorbibili e assimilabili all’organismo”. Se sostituiamo agli “alimenti” le “emozioni” non otteniamo forse una meravigliosa definizione di amore?
Giuseppe Tantillo

L’Arco di Diana_il teatro protegge i talenti
Lo spettacolo rientra nel progetto l’Arco di Diana_il teatro protegge i talenti, con cui il teatro Diana ha deciso di sostenere la stagione del Teatro NEST, tramite un progetto di promozione, comunicazione, di mobilitazione del pubblico e di visione trasversale del teatro.

Di cosa si tratta?
In fase di definizione del calendario il Teatro Diana ha individuato 5 spettacoli della propria stagione, che per forza attrattiva e comunicativa hanno la capacità di attirare una grande attenzione di pubblico. Il pubblico del Diana avrà la possibilità di assistere allo spettacolo del NEST ad un prezzo agevolato, €10,00, ed inoltre potrà usufruire di un servizio navetta che collegherà il Vomero al Nest in occasione degli spettacoli “accoppiati”. Ciò favorirà la mobilitazione per scopi culturali del pubblico dalle zone alte alla periferia della città. Inoltre, il pubblico del Diana si approccerà alla nuova drammaturgia e ai nuovi linguaggi teatrali, che potrà risultare ai loro occhi altrettanto interessante.

Costo biglietto:
€12,00 comprensivo del servizio per gli abbonati al Teatro Diana, under 25, over 65

Navetta:
partenza navetta: piazzale antistante il Teatro Diana / piazza Bovio
orari partenze: sabato ore 19:15 – 20:00 – domenica ore 16:15 – 17:00 –
ritorno a fine spettacolo sempre al piazzale antistante il Teatro Diana / piazza Bovio –
Prenotazione obbligatoria al numero 333-3223780
Per info: teatronestt@gmail.com – www.compagniateatronest.it

Napoli Est Teatro
via Bernardino Martirano, 17
San Giovanni a Teduccio, Napoli

Foto Manuela Giusto

Print Friendly, PDF & Email