Home Toscana Regione Toscana Sanità privata Toscana, ok ratifica preintesa su nuovo contratto

Sanità privata Toscana, ok ratifica preintesa su nuovo contratto

284
Infermieri


Download PDF

Chiudere una vertenza che va avanti da 14 anni era stato uno degli impegni della Conferenza delle Regioni e del Comitato di settore presieduto dall’Assessore alla presidenza della Toscana

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Via libera di AIOP, ovvero l’Associazione Italiana Ospedalità Privata, e di ARIS, Associazione Religiosa Istituti Socio Sanitari, alla firma della preintesa siglata a giugno per il rinnovo del contratto dei dipendenti della sanità privata.

Un’ottima notizia

commenta l’Assessore alla presidenza Vittorio Bugli, che assieme al collega lombardo Davide Carlo Caparini condivide la presidenza del Comitato di settore Regioni – Sanità.

La notizia della ratifica della preintesa è di queste ore.

Ricordano i due assessori:

Abbiamo lavorato incessantemente in questi mesi nell’ambito della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e del Comitato di settore Regioni – Sanità per chiudere questa vertenza contrattuale aperta ormai da ben 14 anni.

La collaborazione delle Regione e del Ministero della Salute e l’impegno profuso dalle parti datoriali e sindacali ci consegna oggi questo risultato, ancor più importante nell’era Covid dove sono necessari gli sforzi di tutta le componenti della sanità del nostro Paese.

Con la prossima firma definitiva del contratto nazionale si riconosceranno a centomila lavoratori gli gli stessi diritti della componente pubblica.

Siamo arrivati a questo risultato con un gioco di squadra dove ognuno ha fatto la sua parte e si è assunto impegni precisi, Regioni da una parte e Ministero della Salute dall’altra

ha commentato il Presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, che ha voluto ringraziare personalmente per l’impegno e gli sforzi profusi i Presidenti del Comitato di settore Bugli e Caparini assieme al coordinatore della Commissione Salute Luigi Genesio Icardi.

Print Friendly, PDF & Email