Home Lazio Regione Lazio Salute mentale, D’Amato: In primavera I conferenza Regione Lazio

Salute mentale, D’Amato: In primavera I conferenza Regione Lazio

145
Alessio D'Amato


Download PDF

Visita a SPDC di Tor Vergata, rimettiamo al centro il malato

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

In primavera svolgeremo la prima Conferenza Regionale sulla Salute Mentale e potremmo pensare di farla proprio ad aprile in occasione della ricorrenza dell’apertura nel Lazio della prima REMS, Residenza per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza, che fu inaugurata nel 2015 a Pontecorvo per il superamento degli OPG, Ospedali Psichiatrici Giudiziari.


Lo ha annunciato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato che questa mattina, 3 gennaio, accompagnato dal Rettore dell’Università di Tor Vergata, prof. Orazio Schillaci e dal prof. Alberto Siracusano, ha effettuato una visita presso l’SPDC, servizio psichiatrico di diagnosi e cura, di Tor Vergata.

Ha proseguito l’Assessore D’Amato:

Il 2020 sarà per la nostra Regione l’anno della Salute Mentale. Dobbiamo passare da un sistema da dava necessariamente la precedenza all’emergenza – urgenza ad un sistema che punti al potenziamento della rete dei servizi territoriali e quindi anche alle tematiche legate alla salute mentale.

Questa è la sfida che abbiamo davanti e che abbiamo inserito nei nuovi programmi operativi.

Stiamo facendo uno sforzo importante che passa per il potenziamento della Rete delle REMS e a breve apriremo ulteriori 20 posti letto, stiamo migliorando e implementando la rete degli SPDC, Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura, la rete dei DSM, Dipartimento di Salute Mentale, con particolare riferimento alle crescenti patologie nell’età evolutiva ed adolescenziale e potenziando gli organici.

Oggi il sistema sanitario regionale apre una fase nuova, dobbiamo lavorare con una multidisciplinarietà e in un’ottica di sistema con il coinvolgimento del mondo dell’associazionismo mettendo sempre al centro il malato e la persona.

Print Friendly, PDF & Email