Home Rubriche Muórze e surze Roccocò normali e roccocò morbidi

Roccocò normali e roccocò morbidi

1991
roccocò


Download PDF

Roccocò normali

Ingredienti

Una busta di pisto
500 grammi di farina
500 grammi di zucchero
2 grammi di bicarbonato di ammonio
200 gr di acqua tiepida
La buccia grattugiata di un’arancia
500 grammi di mandorle
Un tuorlo d’uovo per spennellare

Preparazione

Ormai siamo in clima di feste natalizie, per cui vi propongo la ricetta di un dolce tipicamente napoletano che viene preparato in questo periodo, ovvero i roccocò.

Iniziamo disponendo la farina a fonte, al centro mettiamo lo zucchero, il pisto, il bicarbonato di ammonio, la buccia d’arancia e le mandorle tritate grossolanamente.

Prima di andare avanti, volevo parlarvi di due di questi ingredienti, che sono importanti e potrebbero sembrare non tanto comuni.

Il primo è il pisto, un preparato tipicamente napoletano che non è altro che una miscela di diverse spezie, cioè principalmente la cannella, la noce moscata e i chiodi di garofano, solitamente usato per dolci natalizi; volendo possiamo prepararlo da soli, ma io mi trovo benissimo con quello già pronto che si trova facilmente in qualsiasi negozio di coloniali.

Secondo ingrediente è il bicarbonato di ammonio, o anche ammoniaca per dolci, ovviamente da non confondere con il bicarbonato di sodio; lo utilizziamo per la lievitazione. Se usassimo un normale lievito i nostri roccocò rischierebbero di crescere troppo durante la cottura, perdendo la caratteristica forma, senza questo ingrediente, invece, potrebbero risultare troppo duri. Come per il pisto, è facilmente reperibile nei coloniali.

Tornando al procedimento, una volta creata la fonte, messo al centro gli altri ingredienti che avevamo visto, cominciamo ad impastare il tutto versando l’acqua calda lentamente.

Questa parte è importante, bisogna amalgamare bene il nostro composto, aggiungendo l’acqua un poco alla volta, man mano che serve, fino a raggiungere impasto compatto ed elastico, cui poi andremo a dare la forma di un rotolino e da cui taglieremo dei pezzi che poi chiuderemo a forma di ciambellina, con il classico buco in mezzo.

Adesso possiamo disporli in una teglia imburrata, facendo attenzione a distanziarli un poco l’uno dall’altro, dato che, grazie al bicarbonato di ammonio, come dicevamo, lieviteranno, anche se non troppo, durante la cottura.

Per migliorare l’aspetto possiamo spennellare la superficie con il tuorlo d’uovo sbattuto e guarnire, se vi piace, con delle mandorle intere. Poi mettiamo in forno già caldo a 200 gradi per 15 minuti circa.

Roccocò morbidi

Una variante di questa ricetta che ci permette di avere un risultato molto simile ma con roccocò più morbidi, può essere realizzata usando i seguenti ingredienti:

500 grammi di farina
200 grammi di zucchero
200 grammi di mandorle
100 grammi di miele
5 grammi di ammoniaca per dolci
125 grammi di acqua tiepida
La buccia grattugiata di un’arancia e un limone
25 grammi di pisto
1 bustina di cannella
Un tuorlo d’uovo per spennellare

Il procedimento è identico al precedente, ma l’aggiunta del miele, il quantitativo maggiore di bicarbonato di ammonio, le proporzioni diverse, portano ad un risultato più morbido.

Di solito a Natale preparo tutti e due i tipi, c’è chi preferisce l’uno o l’altro, sono ottimi per completare il cenone, ma anche a colazione o a merenda.

Buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email
Carolina Barra

Autore Carolina Barra

Carolina Barra, impiegata in pensione, profonda conoscitrice del cibo in tutte le sue declinazioni, adora cimentarsi nei piatti tipici della tradizione e scoprirne i trucchi per poterli tramandare.