Home Lombardia Regione Lombardia Rettori Università lombarde, IRCCS e ASST in Commissione Sanità

Rettori Università lombarde, IRCCS e ASST in Commissione Sanità

529
Audizione Commissione Sanitaà


Download PDF

Revisione del Testo Unico della Sanità che riguarda gli Atenei lombardi

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

La Commissione Sanità, presieduta da Fabio Rolfi, Lega Nord, ha ricevuto oggi in audizione i Rettori delle Università lombarde in relazione all’ultima parte della revisione del Testo Unico della Sanità che riguarda gli Atenei della nostra regione.

Ha detto il Presidente:

È stata un’audizione importante dove unanimamente sono stati apprezzati i contenuti del testo proposto che sarà approvato dalla Commissione in settembre.

L’audizione è poi proseguita con i rappresentanti degli IRCCS e ASST sede di scuole di specialità.

Due, tra i tanti, i temi sollevati in maniera principale e sui quali è stato espresso l’apprezzamento per il lavoro svolto.

Il primo riguarda la costruzione di reti territoriali di afferenza del territorio lombardo alle singole Università e la collaborazione tra territori e Atenei per svolgere nel modo migliore le attività. Su questo punto la Commissione attende una proposta articolata e condivisa delle Università, nell’intento di costruire una rete territoriale il più possibile aderente alle esigenze formative concrete e alle relazioni costruite da tempo.

L’altro riguarda la volontà della Regione di rendere il più chiaro possibile il testo normativo con riferimento all’attività degli specializzandi che oggi soffre, specialmente in Lombardia, di limiti normativi circa la loro attività in autonomia.

Ha portato Rolfi come esempio:

Le norme lombarde prevedono oggi l’obbligo di unità chirurgiche con la presenza di team di tre chirurghi di cui due strutturati e un solo specializzando limitando molto la possibilità di attività concreta dello specializzando in ambito chirurgico.

Questa è una situazione non più sostenibile vista anche la cronica carenza di specialisti e la lunghezza dei percorsi formativi.

Bisogna appunto rendere più moderna la norma consentendo maggiore crescita in autonomia dello specializzando, maggiore attività pratica sotto la supervisione del chirurgo.

Questo è fondamentale per aumentare l’attrattività delle nostre scuole di specializzazione che sono scuole molto importanti e molto capaci nella preparazione e favorire una formazione realmente applicata dei nostri specializzandi.

Print Friendly, PDF & Email