Home Toscana Regione Toscana Rapporto di ARS sugli esiti clinici, Toscana promossa

Rapporto di ARS sugli esiti clinici, Toscana promossa

872
Rapporto di ARS


Download PDF

Bezzini: ‘Strumento utile che consente di progettare interventi specifici e tempestivi’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Continua il trend di miglioramento dell’efficacia delle cure in Toscana.

È la sintesi della pubblicazione dell’insieme di indicatori per l’anno 2022 resi noti e pubblicati sul proprio sito da ARS, l’agenzia regionale della sanità, che da dieci anni è l’estensore del Programma di osservazione degli esiti, denominato Prose, che misura i risultati e la riuscita delle prestazioni erogate in ospedale e sul territorio.

I dati sono stati presentati, oggi 11 ottobre, a Villa La Quiete a Firenze in occasione del seminario ‘L’osservazione degli esisti clinici per le politiche sanitarie’, occasione di confronto in cui si è discusso sul valore della definizione e dell’interpretazione di questi indicatori per le decisioni strategiche sull’organizzazione dei servizi e la destinazione delle risorse.

Dallo studio emerge che il sistema sanitario toscano si dimostra nella sua quasi totalità in crescita, riprendendo dopo la pandemia da Covid-19 i trend positivi che lo avevano contraddistinto negli anni precedenti.

In particolare, tra gli indicatori positivi si evidenzia la diminuzione della mortalità ad un mese dall’evento per ictus e per infarto, anche per l’aumento delle angioplastiche eseguite nei tempi previsti dalle linee guida.

Crescono gli interventi per cancro del colon eseguiti con tecnica mininvasiva, con mortalità a trenta giorni che si mantiene stabilmente a livelli bassi rispetto alla media nazionale.

Si riducono la mortalità a trenta giorni per cancro del retto, i parti cesarei e le loro complicanze, la mortalità ad un mese dopo interventi cardiochirurgici e vascolari e le complicanze cerebrovascolari dopo oltre un anno da infarto o ictus.

Indici in diminuzione invece si segnalano per quanto riguarda la tempestività dell’intervento per frattura al femore, con una percentuale di operazioni realizzate entro due giorni meno elevata rispetto ai livelli raggiunti negli anni precedenti, a cui si accompagna una crescita del tasso di mortalità a trenta giorni.

Commenta l’Assessore al diritto alla salute della Toscana, Simone Bezzini:

Lo studio ci restituisce un quadro favorevole, da cui emerge una completa ripresa dei trend positivi e della stabilità dopo l0impatto della pandemia.

Molti degli indicatori sono ampiamente omogenei e diffusi, seppure per alcune prestazioni rimane ancora una certa variabilità tra un territorio e l’altro.

Su questo dovremo intervenire, per garantire a tutti, indipendentemente da dove uno risieda, lo stesso livello di assistenza.

La pubblicazione di questi indicatori rappresenta uno strumento di conoscenza indispensabile per la nostra regione, in quanto ci permette di conoscere in anticipo sui dati nazionali alcuni andamenti e promuovere e progettare interventi specifici e tempestivi.

Sarà utile per orientare le scelte ed individuare le criticità su cui intervenire.

Print Friendly, PDF & Email