Home Rubriche La Finestra Secreta Quando il vento passa…

Quando il vento passa…

427
Quando il vento passa... di Vincenzo Cacace


Download PDF

Olio su tela, cm.50×40

È qui, tra lo stormire delle foglie dell’albero Trasmutativo di Bauci, dono di Zeus, in cui si rifugia Filemone ad ogni ventoso Autunno… forse è unificato al Simbolo, lo stesso di Dafne o di Ermes… l’Alloro… l’Acacia, l’Olivo o il Tiglio, oppure…

è quella radice eterna, inestirpabile, alla quale una memoria a volte benevola, trasforma i ricordi in “miti della rinascita”, paradigmi che, si affidano e resistono rigenerandosi nel tempo, accompagnati alle storie che vorrebbero disegnare il quotidiano procedere ed i suoni che, nel soffiare dolce o turbinoso, si autocompongono come musiche mai udite, percepite… da infinite lontananze.

Ma… il vento trascina, scompagina, divelle, erode anche le pietre depositarie dei fasti, i cartigli con i nobili nomi degli eroi… tutto cancella e… quando il vento passa ogni volta mi affaccio e… raccolgo ciò che rimane… nei pressi dell’albero ormai rimasto spoglio, il cui stormire è diventato un sibilo ad ogni irosa folata ritardataria… unico baluardo disperato che ha combattuto per trattenere la propria immagine e gli adeguati “orpelli”… raccolgo relitti… una valigia vuota… ormai priva di ricordi… un cencio stracciato… forse un lenzuolo… una bandiera o una Sindone più umana inzuppata di martirio… dal tormento e la fatica dei giorni… ma che vedo?

… impigliato tra i rami rinsecchiti… il mio “Panama”…

Come erede di un mitico “petaso ermetico” o un daliniano “cappello pensatore” lo calzo, come atto rigenerativo della Memoria… ma con un dato in più… relativo alla fatuità delle cose e alla fortezza delle Radici Perenni!

Non ho più un “orto concluso” e… torno ad essere un uomo del Dubbio.

… spazzata e tranquilla appare la visione fino all’Orizzonte… ma nonostante ciò, un brivido mi pervade…
quando il vento passa!

Print Friendly, PDF & Email
Vincenzo Cacace

Autore Vincenzo Cacace

Vincenzo Cacace, diplomato all'Istituto d'Arte di Torre del Greco (NA) e all'Accademia di Belle Arti di Napoli, è stato allievo di Bresciani, Brancaccio, Barisani, ricevendo giudizi positivi ed apprezzamenti anche dal Maestro Aligi Sassu. Partecipa alla vita artistica italiana dal 1964, esponendo in innumerevoli mostre e collettive in Italia e all'estero, insieme a Giorgio De Chirico, Renato Guttuso, Ugo Attardi, e vincendo numerosi premi nazionali ed internazionali. Da segnalare esposizioni di libellule LTD San Matteo - California (USA), cinquanta artisti Surrealisti e Visionari, Anges Exquis - Etre Ange Etrange - Surrealism magic realist in Francia, Germania e Italia.