Home Rubriche Nutrizione a portata di click Prevenire l’influenza a tavola

Prevenire l’influenza a tavola

443
tisana


Download PDF

Con l’arrivo dell’autunno si hanno le prime influenze, che durano per tutto il periodo invernale. Durante questi mesi si avranno vari picchi e si susseguiranno virus differenti.

Oltre ovviamente a tutte le accortezze che si devono rispettare per prevenire il contagio come i vaccini, il non frequentare posti affollati e chiusi, avere un’attenta igiene soprattutto delle mani, evitare sbalzi di temperatura ed avere una maggiore attenzione per i bimbi e gli anziani; un grande aiuto per proteggersi si ha proprio da un’alimentazione adeguata con cibi che non devono mai mancare rispettando la varietà e la stagionalità:

Frutta

Sono da prediligere gli agrumi, pieni di vitamina C, perfetti per aumentare le difese immunitarie. Le porzioni di frutta devono essere almeno tre al giorno, una buona idea è quella di assumerla sotto forma di spremute o frullati. Sono ottime anche le pere, le mele, che potete anche mangiare cotte, ed i kiwi.

Verdura

Anche la verdura deve essere consumata almeno due, meglio tre, volte al giorno. Si deve prediligere quella che ha anche un’azione antiossidante e antinfiammatoria, come tutte le verdure a foglia larga, cavoli, cavolfiori e verza. Possono essere mangiati sia cotti che crudi, ma fate attenzione ai tempi di cottura, perché cuocendo per troppo tempo perdono tutte le sostanze nutritive. La varietà è sempre la parola d’ordine: via libera a carote, zucca, peperoni, pomodori, ravanelli, sedano, porro, per fare un pieno anche di vitamina A, vitamina E e carotenoidi.

Ecco uno schema di tutti gli alimenti che danno il pieno di vitamine:

Vitamina A Carote, pomodori, verdure a foglia verde, broccoli, cavolo, verza, uova, burro, latte, formaggi
Vitamina E Cereali, mandorle, olive, olio di germe di grano, noci, semi di zucca, di girasole
Vitamina C Peperoni, prezzemolo, verdura a foglia larga, agrumi, kiwi

Aglio e cipolla
Hanno un’ottima azione antisettica e aiutano anche ad eliminare il catarro fluidificandolo.
Si possono utilizzare nella preparazione degli alimenti e come condimento. Sono anche ricchi di vitamine e sali minerali.

Legumi
Devono essere consumati minimo tre volte a settimana, sono ricchi di fibre, ferro e proteine. Prefer-re sempre quelli secchi da lasciare in ammollo per almeno 12 ore prima della cottura. Per chi ha problemi di pesantezza e gonfiore il trucco è quello di passarli.

Latte e derivati
Per prevenire la carenza da vitamina D, che, ricordiamo, viene sintetizzata dal nostro organismo con l’esposizione al sole, e visto che d’inverno abbiamo meno possibilità di stare all’aria aperta, va integrata con l’alimentazione: latte, yogurt, formaggi, in particolare quelli a pasta dura, come il parmigiano.

Spezie
Ottime per il sistema immunitario e per rallegrare i piatti a tavola, abbondate con pepe, peperoncino, cannella, curcuma e zenzero. Quest’ultimo è eccellente anche contro nausea e vomito. Un’idea è quella di preparane una tisana con qualche pezzetto di zenzero sbucciato, lasciar bollire per almeno quattro minuti e, dopo che si sarà leggermente raffreddato, aggiungere il succo di limone, filtrare il tutto e aggiungere un cucchiaino di miele.

Pesce
Ricca fonte di proteine, perfetto per aumentare la risposta immunitaria vista la presenza di zinco e rame. Consumarlo almeno 3 volte a settimana, ricco di grassi essenziali e ferro.

Cioccolato
So che può sembrare strano, ma il cioccolato è davvero di grande aiuto, in particolare per calmare la tosse. Ha proprietà lenitive e benefiche, ideale per fluidificare i muchi. Deve essere però fondente! Può essere anche utilizzato per preparare una cioccolata calda, facendolo sciogliere a bagnomaria aggiungendo poi il latte, l’amido di mais, il cacao amaro e un po’ di zucchero.

Acqua e tisane
L’idratazione è fondamentale, oltre all’acqua anche infusi, tisane consumate calde con un po’ di miele. Danno ristoro soprattutto nelle giornate più fredde e per riprendersi dalla stanchezza accumulata.

Il consiglio in più
Non dimentichiamoci del consiglio delle nonne, per prevenire e combattere le influenze: una bella mela cotta con un po’ di cannella e miele fa davvero miracoli! Fluidifica il catarro, aiuta a calmare la tosse.

Il brodo, meglio se di pollo, consumato caldo aiuta subito a sentirsi meglio e ad avere le via aeree superiori decongestionate.

Una camomilla calda la sera, prima di coricarsi, aiuta ad avere un sonno ristoratore che è fondamentale per stare bene.

Il menu contro l’influenza

Colazione
Una tazza di the verde
Una fetta di pane integrale con marmellata
Una pera

Spuntino
Un frullato di kiwi e mele

Pranzo
200 gr di salmone al vapore
70 gr di riso e verza
200 gr di broccoletti

Merenda
Uno yogurt con mandorle sminuzzate
Un mandarino

Cena
200 gr di carote
150 gr di patate
200 gr di petto di pollo

Print Friendly, PDF & Email
Alessandra Cirillo

Autore Alessandra Cirillo

Biologa nutrizionista, libero professionista. Corso di perfezionamento in alimentazione e nutrizione umana. Esperta nella nutrizione in età pediatrica e della sfera femminile a 360°. Appassionata di tutto ciò che riguarda la nutrizione. Il mio motto è "aggiornarsi, sempre".