Home Rubriche Da Oriente a Occidente Paura di se stesso

Paura di se stesso

1449
natyan


Download PDF

Quando il silenzio fa paura!

Le sue parole sapevano tagliare come lame affilate dal più grande degli arrotini.
Una sua sola frase poteva togliere il sonno a chiunque.
Era cosciente di questa sua capacità, poiché lo aveva già sperimentato in più di un’occasione.
Si ripromise allora che, mai e poi mai, avrebbe usato la parola per colpire le persone da lui odiate.

Il silenzio avrebbe salvato se stesso dal reagire con moneta più forte, nei confronti di coloro che avevano cercato di ferirlo senza riuscirci…

E avrebbe salvato i suoi nemici da pesanti e insopportabili dolori mentali.

A chi gli domandava:

Non pensi che il tuo silenzio possa essere ancor più doloroso?
O peggio ancora che venga interpretato come una tua paura, un atto di vigliaccheria?

Così rispondeva:

Il mio disprezzo non ha voce.
Non tollera chi non sa farsi carico delle proprie responsabilità e dei propri errori. Paura? Certo che ne ho, e anche molta. Ma non del mio nemico. Paura di me stesso, perché so quanto male io potrei fare se solo mi decidessi a rompere il silenzio.

Lascia pure che pensino che io sia un vigliacco. Questo li farà dormire molto meglio la notte.
Perché se solo volessi dimostrare il contrario, piangerebbero e urlerebbero come infanti a cui hanno rubato tutti i giocattoli, e rimpiangerebbero l’avermi forzato a parlare. Chi si sente nettamente più forte non umilia il proprio avversario.

E dopo tale risposta se ne andava cantando l’antica poesia del disertore:

Per cui se servirà, del sangue ad ogni costo, andate a dare il vostro, se vi divertirà.
E dica pure ai suoi, se vengono a cercarmi, che possono spararmi, io… armi… non ne ho!

Print Friendly, PDF & Email
natyan

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.