Home Territorio ODCEC Napoli, convegno Turismo sostenibile per sviluppo Mezzogiorno

ODCEC Napoli, convegno Turismo sostenibile per sviluppo Mezzogiorno

422
ODCEC Napoli


Download PDF

Sciarelli, Federico II: ‘L’aumento della presenza dei turisti può generare problemi di impatto’

Riceviamo e pubblichiamo.

La sostenibilità ambientale, quella sociale e quella economica vanno analizzate in maniera complementare.

Il turismo per sua natura è un fenomeno sistemico dove sono tanti gli attori e i soggetti che devono cooperare per un’offerta che sia sostenibile.

L’aumento della presenza dei turisti può generare problemi di impatto rispetto a una capacità di carico legata alla disponibilità di poter accogliere correttamente, in maniera efficace e sostenibile i turisti.

Quindi c’è da fare degli investimenti sotto questi profili in termini organizzativi dove tutti fanno la loro parte, le istituzioni, gli operatori, i turisti e i cittadini.

Lo ha dichiarato Mauro Sciarelli, professore di economia e gestione dell’impresa all’Università Federico II nel corso del convegno ‘Turismo sostenibile per lo sviluppo del Mezzogiorno’ promosso dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Napoli, presieduto da Eraldo Turi.

Tesi sostenuta anche da Raffaele Sibilio, professore di sociologia sempre alla Federico II:

Solo se coniughi l’aspetto sociale, economico e ambientale si può parlare di turismo sostenibile.

Dobbiamo formare i giovani nelle professioni turistiche di qualità in modo che ci sia un’offerta del territorio di qualità, cercando di coinvolgere le comunità locali soprattutto nelle aree meno popolate.

Se c’è troppa capacità di carico i luoghi non si riconoscono e sono valorizzati meno di quello che potrebbero.

Per Maria Cristina Gagliardi, Consigliera ODCEC delegata al Turismo:

Il Turismo sostenibile ha registrato dopo gli anni di pandemia un vero e proprio boom, trasformando radicalmente la richiesta di servizi.

In una regione come la nostra dove il turismo è uno dei settori trainanti dell’economia, bisogna favorire questo processo cogliendone tutte le opportunità.

Serve una sinergia tra istituzioni, tutti i partner della filiera turistica e noi professionisti per dare ulteriore impulso a questo nuovo trend.

Di economia sociale ha parlato Antonella La Porta, Consigliera dell’Ordine partenopeo, per la Commissione sostenibilità e responsabilità sociale d’impresa:

La Commissione sul turismo è storica, esiste da sempre favorendo gli approfondimenti sui temi della sostenibilità che è un tema trasversale a tutti i settori della produzione.

Lo scatto da un’economia tradizionale a un’economia sociale che abbia come scopo principale un giusto profitto etico ma soprattutto la crescita sociale attraverso lo sviluppo di una nuova sensibilità e di nuove competenze e temi legati alla sostenibilità, deve essere la nostra linea guida.

Un’azienda che cresce nel solco della sostenibilità è destinata al successo e in questo percorso il ruolo del dottor commercialista è fondamentale.

A moderare il convegno Liliana Speranza, Presidente della Commissione Turismo:

Siamo vicini alle imprese del settore turistico che portano sviluppo sostenibile nel Mezzogiorno. Un processo che comporta anche la rinascita dei territori preservandone la loro ricchezza culturale e paesaggistica.

Servono investimenti come quelli offerti dal Fondo per la sostenibilità e l’Innovazione nel quale ci sono 500 milioni a disposizioni delle imprese. Lo ritengo un ottimo punto di partenza per rilancio del turismo nel Sud.

All’incontro ha partecipato anche Marilena Nasti, Vonsigliere delegato dell’ODCEC Napoli.

Print Friendly, PDF & Email