Home Toscana Regione Toscana Nuove minacce di morte al Sindaco di Empoli (FI)

Nuove minacce di morte al Sindaco di Empoli (FI)

411
Palazzo Strozzi Sacrati


Download PDF

La solidarietà della Giunta regionale toscana

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Un atto doppiamente grave: per le minacce rivolte ad una sindaca e per l’odio razziale di cui sono intrise le parole che l’accompagnano.

Il Presidente della Toscana Enrico Rossi e l’Assessore ai rapporti con gli enti locali Vittorio Bugli condannano la lettera recapitata ieri alla sindaca di Empoli (FI) Brenda Barnini: l’ennesima minaccia di morte. La prima era stata nel 2018, poi altre due volte all’inizio di questo novembre. Dunque è la terza lettera in un mese.

La missiva stavolta si compone di poche righe, scritte a mano e con una calligrafia incerta e stentata:

Guardati le spalle, presto avrai una pallottola nella schiena.

E poi la non condivisione della scelta del Comune di Empoli di concedere la cittadinanza onoraria a Liliana Segre – Senatrice a vita e deportata sopravvissuta ad Auschwitz, ricordata in modo offensivo per il suo essere ebrea – ed altre parole di odio con cui si invita la sindaca a ricordarsi dei suoi cittadini prima di occuparsi di migranti ed extracomunitari.

Commenta il Presidente della Regione Enrico Rossi:

A Brenda Barnini va la solidarietà mia e di tutta la giunta toscana.
Il ripetersi sempre più spesso, in Italia ma anche in Toscana, di attacchi verbali, ma anche non solo verbali, di tipo razzista e fascista sono segnali preoccupanti assolutamente da non sottovalutare: dai gruppi neofascisti bloccati dalle forze dell’ordine e dalla magistratura di recente nel senese all’episodio, sempre a Siena, del professor universitario filonazista che su Twitter elogiava Hitler.

Commenta l’Assessore Bugli:

Si tratta di attacchi inaccettabili e vergognosi. Non dobbiamo abbassare la guardia. Compito delle istituzioni è impegnarsi a diffondere una cultura fondata sulla cultura dell’antifascismo, soprattutto tra i più giovani, e della legalità: una cultura dove l’avversario non diventa mai un nemico. Per il resto confidiamo che velocemente gli inquirenti possano scoprire gli autori della lettera inviata alla sindaca di Empoli.

Print Friendly, PDF & Email