Home Territorio NTFI 2020: programma del 17 luglio

NTFI 2020: programma del 17 luglio

156
'Pentathlon' - Marfella, Sorrenti, Baffi, Cresta, Pugliese NTFI 2020


Download PDF

Debutti a Pietrelcina (BN) e Napoli e repliche a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Domani, venerdì 17 luglio, il Napoli Teatro Festival Italia, diretto da Ruggero Cappuccio, fa tappa in provincia di Benevento: al Palazzo di Vetro di Pietrelcina, ore 21:00, Lina Sastri presenta in prima assoluta ‘Maria Maddalena o della salvezza’, da ‘Fuochi’ di Marguerite Yourcenar.

La Sastri, che firma drammaturgia, riduzione e mise en espace, con la collaborazione alla messa in scena di Bruno Garofalo, è accompagnata in scena dagli arrangiamenti alla chitarra di Filippo D’Allio e da Gianluca Mirra, percussioni. Lo spettacolo replicherà poi a Napoli, sempre nell’ambito del NTFI, al Cortile della Reggia di Capodimonte il 25 luglio, ore 21:00.

Spiega l’autrice e interprete:

È il racconto in prima persona di Maria di Magdala che parla d’amore. È la grande passione di Maria Maddalena per Gesù, che la condanna a un destino di infelicità. Ma è anche la solitudine del non amato o del respinto o dell’escluso. È il percorso di un’anima che nasce innocente, e, per vendetta, cambia il suo destino o crede di cambiarlo.

Per la sezione SportOpera, in prima assoluta, ‘Pentathlon’, su testi di Manlio Santanelli, Alessandro Baricco, Dino Buzzati e Giampiero Comolli. Lo spettacolo,interpretato e diretto da Marina Sorrenti, Chiara Baffi, Rossella Pugliese, Antonio Marfella, Paolo Cresta, va in scena alle 21:00 al Casino della Regina di Capodimonte, ingresso da Porta Miano.

Il lavoro prende spunto da una pubblicazione intitolata ‘Il pomeriggio dell’atleta stanco’, in cui il pomeriggio e la stanchezza inquadrano opportunamente il gesto sportivo nel suo movimento decadente o addirittura fallimentare. In scena cinque azioni mancate o sconfitte viste dall’ottica del tifoso, dello spettatore o del cronista: di colui che, fuori da quel gesto, ammirandolo o invidiandolo automaticamente lo moltiplica.

Debutta, alle 21:00 al Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale, anche ‘Le eccentricità’ di un usignolo di Tennesse Williams, nella traduzione di Masolino D’Amico e per la regia di Sarah Biacchi, anche interprete accanto a Riccardo Eggshell, Alessandra Frabetti, Paolo Perinelli, e con la partecipazione di Paila Pavese.

Il testo, 1962, di Tennessee Williams, inedito in Italia, fu ideato come tarda riscrittura del più celebre Estate e fumo: le ‘eccentricità’ cui fa riferimento il titolo sono le piccole stranezze, i tic, i modi di fare inconsueti di una trentenne insegnante di canto di provincia, Alma Winemiller, figlia di un pastore e di una madre ormai folle che fu coinvolta in un atroce scandalo.

Alla Fagianeria del Real Bosco di Capodimonte, ingresso da Porta Miano, alle 21:00, replica ‘Buona permanenza al mondo – Majakovskij BPM’, tratto da ‘Il defunto odiava i pettegolezzi’ di Serena Vitale. Il lavoro di Gianni Farina, che vede impegnati sulla scena Consuelo Battiston, Tamara Balducci, Leonardo Bianconi, Federica Garavaglia, Mauro Milone, è una coproduzione Ravenna Festival, E / Menoventi.

Al Giardino Romantico di Palazzo Reale, alle 22:30, in anticipo sul debutto previsto per il 18 luglio, si potrà assistere infine alla prova generale aperta al pubblico di ”E ssanzare’, liberamente ispirato a ‘Il malinteso’ di Albert Camus. Con Francesca Morgante, Maria Claudia Pesapane, Luca Lombardi.

Dopo ”A jetteca’ da ‘Yerma’ di Federico García Lorca e ”E cammarere’ da ‘Le serve’ di Jean Genet, ”E ssanzare’ conclude la trilogia della femminilità irrisolta dell’autore e regista Fabio Di Gesto. Uno spettacolo ambientato in una Napoli aspra, materiale e plebea, dove madre e figlia lavorano come ‘sanzare’: affittano, cioè, stanze a turisti che provengono da lontano e compiono delitti con l’obiettivo di racimolare quanti più soldi possibile per rifarsi una nuova vita.

Sul sito napoliteatrofestival.it sono consultabili le promozioni e gli eventi gratuiti.

Print Friendly, PDF & Email